Un’altra prestazione convincente, il Mendrisio colpisce in trasferta

DDV – Men­dri­sio 57 – 79

Sep­pur il Cam­pio­na­to di Pri­ma lega regio­na­le — ai più cono­sciu­to come “ex secon­da lega” —  sia già da diver­se gior­na­te nel­la fase di ritor­no, Mer­co­le­dì 7 Feb­bra­io, Men­dri­sio e DDV han­no final­men­te com­ple­ta­to il  loro giro­ne d’andata, gio­can­do il recu­pe­ro del­la quar­ta gior­na­ta, rin­via­ta il 15 novem­bre scor­so a cau­sa di alcu­ni pro­ble­mi di viabilità.

A Tre­va­no — dopo un ini­zio mol­to ste­ri­le in fase rea­liz­za­ti­va da par­te di entram­be le squa­dre — gli uomi­ni di Mal­na­ti si sbloc­ca­no e gra­zie a un attac­co deci­sa­men­te più flui­do e al pres­sing su tut­to cam­po gui­da­to dal roc­cio­so Reyes Sosa — rie­sco­no a pren­de­re le distan­ze. A chiu­de­re il pri­mo quar­to sul 9 a 22 ospi­te, ci pen­sa Muntw­y­ler che met­te a refer­to i suoi pri­mi 2 pun­ti del­la carriera.

Nel secon­do quar­to le cose non cam­bia­no, Mal­na­ti fa gira­re a pie­no rit­mo l’intera squa­dra e con­ce­de impor­tan­te minu­tag­gio a tut­ti i com­po­nen­ti del­la squa­dra. Si va così alla pau­sa lun­ga sul 22 a 45 per gli ospiti.

La ter­za fra­zio­ne vede un calo di con­cen­tra­zio­ne da par­te dei bian­co­ros­si che con­ce­do­no un po’ trop­po ai padro­ni di casa ed alter­na­no azio­ni cora­li con alcu­ne incur­sio­ni soli­ta­rie, ma tut­to som­ma­to il par­zia­le di 17 a 18 al tren­te­si­mo man­tie­ne i men­dri­sien­si in pie­no con­trol­lo del­la gara (39 — 63).

Negli ulti­mi 10 minu­ti gli ospi­ti si limi­ta­no a con­te­ne­re gli avver­sa­ri che però spin­go­no for­te fino allo sca­de­re del tem­po, riu­scen­do ad esse­re più inci­si­vi in que­sta ulti­ma fra­zio­ne. Il 18 a 16, nel­l’ul­ti­mo quar­to non è tut­ta­via uti­le ai padro­ni di casa che inve­ce avreb­be­ro spe­ra­to in una cla­mo­ro­sa rimon­ta. Quan­do suo­na la sire­na fina­le, il tabel­lo­ne evi­den­zia la net­ta supre­ma­zia di Tra­vai­ni e com­pa­gni che si impon­go per 57 — 79.

La gara ha mes­so in risal­to alcu­ne del­le mol­te­pli­ci qua­li­tà del­la squa­dra Men­dri­sien­se: si è fat­ta sen­ti­re tut­ta l’e­spe­rien­za di Calò, vera e pro­pria mac­chi­na da assi­st; Reyes Sosa ha dimo­sta­to di esse­re deter­mi­nan­te quan­do por­ta que­sta grin­ta sul par­quet; Tra­vai­ni si è dimo­stra­to, anco­ra una vol­ta, soli­do e con­cre­to sot­to cane­stro. Chi però non dimen­ti­che­rà facil­men­te le emo­zio­ni di que­sta par­ti­ta è, sen­za ombra di dub­bio, Guy Muntw­y­ler che, oltre a segna­re 12 pun­ti con il 100% di rea­liz­za­zio­ni dal cam­po e ai tiri libe­ri, è sta­to un allea­to deter­mi­nan­te a rim­bal­zo. Per capi­re per­chè que­sta sera­ta rimar­rà a lun­go nel­la memo­ria del nume­ro 7 bian­co­ros­so occor­re osser­va­re i tabel­li­ni e sco­pri­re che si trat­ta­va per lui del­la sua secon­da appa­ri­zio­ne in asso­lu­to all’e­tà di 38 anni.

Men­dri­sio Basket:
Nico­lo­si 12, Mal­na­ti 6, Muntw­y­ler 12, Calò 4, Cat­ta­neo Amos 4, Tru­scel­li 3, Fede­ga­ri 8, Tra­vai­ni 12, Per­nu­mian, Reyes Sosa 8, Cat­ta­neo Ale 6, Cal­de­ra 4. Coach: Malnati.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: