3L: Rancate a forza sette, Boglia battuto e Cademario più vicino

RANCATE – Otti­me tra­me di gio­co, una buo­na soli­di­tà difen­si­va e, soprat­tut­to tan­te, tan­te reti. Con que­sti ingre­dien­ti il Ran­ca­te di Ame­deo Ste­fa­ni si è impo­sto in casa 7–0 sul fana­li­no di coda Boglia Cadro.

I nero­ver­di – per l’occasione di ros­so vesti­ti – si sono da subi­to impos­ses­sa­ti del pal­li­no del gio­co, mostran­do musco­li e cor­sa riu­scen­do a schiac­cia­re i luga­ne­si nel­la pro­pria metà cam­po. È al 18’ che la com­pa­gi­ne di Ste­fa­ni pas­sa in van­tag­gio con un gol dal limi­te dell’area di Jaco­po Rava­si. Al 35’ arri­va il bis di Fer­ra­ri di testa sugli svi­lup­pi di un cal­cio d’angolo. Pri­ma del meri­ta­to the cal­do, il Ran­ca­te con­ge­la il risul­ta­to con il 3–0 fir­ma­to da Arrigoni. 

La ripre­sa ini­zia sul­la fal­sa riga dei pri­mi 45’. Cutro­ne al 50’ sfrut­ta una respin­ta del por­tie­re avver­sa­rio e insac­ca il 4–0. Set­te minu­ti più tar­di è anco­ra Arri­go­ni a cala­re il poke­ris­si­mo con un pal­lo­net­to degno di nota. 

Nel cor­so del­la ripre­sa cam­bia­no gli inter­pre­ti, ma non la sostan­za: al 68’ c’è spa­zio anche per la rete del suben­tra­to Simo­ne Cap­pel­la­ri, lesto a tra­fig­ge­re Graf­fa­gni­no per la sesta rete dell’incontro. A chiu­de­re defi­ni­ti­va­men­te la con­te­sa ci pen­sa il neo acqui­sto Nico­lò Sar­to­ri. Ben imbec­ca­to da Chin­chio, il nume­ro set­te momò met­te a sede­re l’estremo difen­so­re gial­lo­ros­so e met­te la paro­la fine alle ostilità.

Al Boglia Cadro di Toma­si­ni – fer­mo a quo­ta tre pun­ti in cam­pio­na­to – va rico­no­sciu­to il meri­to di non aver mai abbas­sa­to la guar­dia e aver ono­ra­to l’impegno fino alla fine. Il Ran­ca­te sfrut­ta, inve­ce, il mez­zo pas­so fal­so del­la capo­li­sta Cade­ma­rio (bloc­ca­ta sul 2–2 dal Taver­ne 2 nel fine set­ti­ma­na) por­tan­do­si a cin­que lun­ghez­ze di svan­tag­gio dai malcantonesi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: