Il Lugano molla nella ripresa, vince ancora l’Olympic

Nel­la secon­da gior­na­ta del­la fase inter­me­dia è anda­ta in sce­na la par­ti­ta tra le due squa­dre che, insie­me al Gine­vra, stan­no domi­nan­do la mas­si­ma lega a livel­lo sviz­ze­ro, attri­buen­do­le una buo­na dose di appeal e alzan­do l’a­sti­cel­la in ter­mi­ni di qualità.

I Tigers ritro­va­no infat­ti “l’ir­rag­giun­gi­bi­le” Fri­bor­go e devo­no fare da subi­to i con­ti con l’ot­ti­mo rit­mo degli uomi­ni di Alek­sic che, quan­do non tro­va­no il cane­stro, tro­va­no la linea dei libe­ri e spes­so, da lì, è sem­pre solo rete per loro. La rea­zio­ne dei luga­ne­si arri­va, anche se con del ritar­do, por­tan­do la fir­ma di Wil­liams e Pad­gett: se il pri­mo suo­na la sve­glia ai suoi con due tri­ple nel cor­so del pri­mo quar­to, il cen­tro sta­tu­ni­ten­se resti­tui­sce alle tigri peso sot­to cane­stro e, soprat­tut­to gra­zie al gran­de sfor­zo duran­te il secon­do quar­to, rie­sce a far­si rispet­ta­re quan­do c’è da sgo­mi­ta­re nel pit­tu­ra­to. Il Luga­no rie­sce così ad anda­re alla pau­sa lun­ga con il match in equi­li­brio — alme­no dal pun­to di vista del­lo sco­re — con il risul­ta­to fis­sa­to a 49 — 47.

Nel ter­zo quar­to tra le fila dei padro­ni di casa si fa apprez­za­re Chad Tim­ber­la­ke che insie­me al top sco­rer Tou­ré si divi­de, in egual misu­ra, i 16 pun­ti mes­si a segno dai bur­gun­di nei pri­mi 10 minu­ti del secon­do tem­po. Mol­te­ni e com­pa­gni inve­ce affon­da­no duran­te que­sta fra­zio­ne, com­pli­ci soprat­tut­to i ben 9 ten­ta­ti­vi man­ca­ti da die­tro la linea dei 3 pun­ti. I bian­co­ne­ri, che si tro­va­va­no costret­ti a recu­pe­ra­re 10 pun­ti agli avver­sa­ri nel solo 4° quar­to, non sono riu­sci­ti nel­la dif­fi­ci­le mis­sio­ne e han­no dovu­to arren­der­si alla dav­ve­ro soli­da Olym­pic, con il risul­ta­to sul 84 — 71 alla sire­na finale.

cattura stat lugano.JPG

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: