Locarno, Nicora non è più presidente: il saluto sui social dell’ex proprietario

Ciao a tut­ti – ini­zia così la let­te­re di Miche­le Nico­ra al grup­po Face­book Bian­che Casac­che 1906 –, ieri sera è ter­mi­na­ta la mia espe­rien­za in qua­li­tà di Pre­si­den­te. Le pre­mes­se e le volon­tà ini­zia­li era­no natu­ral­men­te altre, ma la vita è anche que­sta, incon­tra­re per­so­ne spe­cia­li come i col­la­bo­ra­to­ri, alle­na­to­ri, gio­ca­to­ri, sim­pa­tiz­zan­ti e voi, ami­ci tifosi.
Voi che ave­te sem­pre accom­pa­gna­to la squadra,che fos­se cal­do, fred­do, vici­no o lontano.
Voi che ave­te sem­pre fat­to sen­ti­re la vostra vici­nan­za alla squa­dra, a tut­ti i giocatori.

Ma que­sta espe­rien­za mi ha anche fat­to capi­re come i tem­pi sia­no cam­bia­ti e sia­no sem­pre più in mano a gen­te, chia­mia­mo­li per­so­nag­get­ti, che usa­no il loro pote­re per distrug­ge­re quan­to fat­to dagli altri.
Que­ste per­so­ne saran­no chia­ma­te nel tem­po, vici­no o lon­ta­no che sia, a dare le rispo­ste a chi di dove­re ed inchi­nar­si facen­do un bel­l’e­sa­me di coscien­za (se esiste).

Sono sta­ti 4 anni inten­si, ho cono­sciu­to per­so­ne splen­di­de ed appas­sio­na­te (non fac­cio nomi per evi­ta­re di dimen­ti­ca­re qual­cu­no) alle qua­li va il mio ringraziamento.
Ho capi­to, ma trop­po tar­di, che gli idea­li­smi, in que­sto caso spor­ti­vi, si scon­tra­no fron­tal­men­te con la poli­ti­chet­ta can­ton­ti­ci­ne­se che tan­to disa­stro ha fat­to, tan­to ne sta facen­do e tan­to ne farà anco­ra. Fat­ta di ripec­che, gelo­sie e di basto­ni tra le ruote.
Ho nota­to, che i bei pro­get­ti non con­ta­no nul­la se non sei ami­co del­l’a­mi­co, se non sei dal­la par­te poli­ti­ca giusta.

E tut­to que­sto va a sca­pi­to, del­la cre­sci­ta dei nostri ragaz­zi, che tan­to impe­gno, pas­sio­ne e dedi­zio­ne met­to­no nel­la loro atti­vi­tà sportiva.

I RAGAZZI HANNO UN SOGNO, UN OBIETTIVO, LASCIATELI SOGNARE.

Oggi TUTTI, voglio­no met­te­re AL CENTRO DEL PROGETTO IL BENE DEI BAMBINI .….….
Bal­le, un buon 80% del­le per­so­ne che ho visto e cono­sciu­to, han­no a cuo­re il pro­prio orti­cel­lo e pur di fare bel­la figu­ra al saba­to e poi sor­ri­der­ti al lune­dì facen­do­ti nota­re la vit­to­ria, fareb­be­ro car­te false.

E qui, mi per­met­to, ben sapen­do di cosa par­lo, di dire che la fede­ra­zio­ne non fa più la fede­ra­zio­ne, è diven­ta­ta una socie­tà con­cor­ren­te alle socie­tà che ogni gior­no fan­no sal­ti mor­ta­li per far qua­dra­re i conti.
Impo­si­zio­ni cala­te dal­l’al­to che fan­no cat­ti­vo san­gue e pro­vo­ca­no malumori.

LASCIATE LAVORARE LE SOCIETA’, LASCIATE LAVORARE CHI VUOLE LAVORARE, ANDATE A DARE SOSTEGNO ALLE SOCIETA’, NON SOTTRAETE ENERGIE E RISORSE.

Ma tan­t’è, il mon­do è cam­bia­to e per gli idea­li­sti, non c’è mol­to spazio.

MA ABBIAMO TENTATO E NON ABBIAMO RIMPIANTI PERCHE’ LO ABBIAMO FATTO CON PASSIONE, CERCANDO DI DARE QUALCOSA AI RAGAZZI, POCO O TANTO CHE SIA, MA ABBIAMO FATTO IL POSSIBILE.

Rin­gra­zio tutti,
Clau­dio Vas­sal­li per la dispo­ni­bi­li­tà ed il sostegno,
il comi­ta­to in cor­po­re (Jack, Ange­lo, Lucia­no, Cri­stia­no, Nico­la, Lui­gi) gli alle­na­to­ri tut­ti, per la dispo­ni­bi­li­tà e la pas­sio­ne, il Par­do Club e la Cir­ro­si per aver­ci sem­pre soste­nu­ti, la Cit­tà di Locar­no ed i custo­di del­lo Sta­dio, sem­pre dispo­ni­bi­li, ed infi­ne la mia fami­glia che mi da dato una mano quan­do neces­sa­rio, che mi ha sem­pre soste­nu­to nei momen­ti difficili.

Ai rosi­co­ni, con­ti­nua­te a rosicare.…..
Agli appro­fitt­to­ri, ocio, il ven­to può cambiare.…..
Ai fur­bi, ocio, ora ho mol­to più tempo .…. ;-)))

Gra­zie di cuo­re e sem­pre e comun­que FORZA LOCARNO

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: