L’eurogol di Scacchi, la rete di Donini nel giorno dell’addio. Il Riva travolge il Ceresio e vince il campionato

Ha rischia­to la retro­ces­sio­ne, ha acca­rez­za­to la pro­mo­zio­ne in più occa­sio­ni e infi­ne ce l’ha fat­ta. Il Riva di Ste­fa­no Lip­p­mann è uffi­cial­men­te pro­mos­so dal­la Quar­ta alla Ter­za Lega. E la squa­dra gui­da­ta dal “Fer­gu­son di Riva” non ha volu­to far­si man­ca­re nul­la nel­la gior­na­ta che ha mate­ma­ti­ca­men­te san­ci­to il sal­to di categoria.

Già, per­ché i gial­lo­blù sono sta­ti pro­mos­si a pie­ni voti otte­nen­do anche la cer­tez­za del pri­mo posto con una gior­na­ta d’anticipo.

FC RIV

Ma i moti­vi per cui la sfi­da di dome­ni­ca pome­rig­gio con­tro il Cere­sio vale­va una sta­gio­ne inte­ra non sono fini­ti qui. Al San Gior­gio si con­su­ma­va anche l’addio al cal­cio gio­ca­to del Capi­ta­no (e la C in maiu­sco­lo non è casua­le…) Andrea Doni­ni, ani­ma e cuo­re indi­men­ti­ca­bi­le del soda­li­zio sul­le rive del Ceresio.

Pri­ma dei festeg­gia­men­ti, però, si è dovu­to gio­ca­re. Di fron­te a un note­vo­le nume­ro di spet­ta­to­ri e un cal­do asfis­sian­te, i “Gla­dia­to­ri del lago” non han­no delu­so le atte­se. A rom­pe­re il ghiac­cio è sta­to Scac­chi, abi­le a rac­co­glie­re un sug­ge­ri­men­to nel­lo spa­zio di Dot­ti e scar­ta­re il por­tie­re per il momen­ta­neo 1–0.

FC RIVA

Il bis lo ha con­ces­so bom­ber “Foba” Spa­di­ni: l’attaccante di ori­gi­ni bra­si­lia­ne ha spia­na­to la stra­da ai suoi con una con­clu­sio­ne che, con la devia­zio­ne di un difen­so­re avver­sa­rio, è anda­ta a infi­lar­si alle spal­le del por­tie­re del Ceresio.

Nem­me­no il gol del­la tran­quil­li­tà ha sazia­to Tolet­ti e com­pa­gni. Il suben­tra­to Pif­fa­ret­ti ha ripa­ga­to la fidu­cia dell’allenatore siglan­do il 3–0 con una con­clu­sio­ne dal limi­te dell’area.

Via ai festeg­gia­men­ti? Nem­me­no per sogno. La com­pa­gi­ne luga­ne­se ha accor­cia­to il diva­rio per meri­to di un’autorete di Dot­ti, la cui devia­zio­ne su un tra­ver­so­ne bian­co­ros­so ha sor­pre­so un incol­pe­vo­le Toletti.

Ma la rete degli ospi­ti non ha fat­to altro che moti­va­re ulte­rior­men­te i padro­ni di casa. A met­te­re la fir­ma sul 4–1 è sta­to nuo­va­men­te Scac­chi con un euro­gol che può pas­sa­re agli archi­vi come il gol dell’anno del­la cor­ren­te sta­gio­ne. L’attaccante nume­ro 17 si impos­ses­sa del­la pal­la all’al­tez­za del­la pan­chi­na di Lip­p­mann, vede il por­tie­re avver­sa­rio fuo­ri dai pali e cal­cia con una pre­ci­sio­ne degna di nota.

Dopo il poker, il Riva viag­gia sul­le ali dell’entusiasmo. La “mani­ta” la fir­ma Dot­ti: il “gigan­te buo­no” sal­ta più in alto di tut­ti su un cor­ner dal­la sini­stra bat­tu­to da Livi S. e insac­ca di testa.

Il Cere­sio tro­va la rete del 5–2 nei minu­ti fina­li. Dal­la sini­stra giun­ge un tra­ver­so­ne teso, l’at­tac­can­te bian­co­ros­so col­pi­sce bene il pal­lo­ne che va depo­si­tar­si in fon­do al sacco.

Sul fina­le c’è spa­zio anche per la gio­ia per­so­na­le (e meri­ta­ta) di capi­tan Doni­ni. Ai gial­lo­blù vie­ne asse­gna­to un cal­cio di rigo­re. Pri­ma di tri­bu­tar­gli una dove­ro­sa e com­mo­ven­te pas­se­rel­la, i com­pa­gni di squa­dra si gira­no ver­so il pro­prio capi­ta­no. Toc­ca a lui anda­re sul dischet­to. E come in tut­te le favo­le più bel­le c’è sta­to il lie­to fine. Pal­la da una par­te e por­tie­re dall’altra.

IMG_0111

La vit­to­ria del cam­pio­na­to si chiu­de con il 6–2 a fir­ma del “cap”. Non pote­va esser­ci fina­le miglio­re per una squa­dra che ha ampia­men­te meri­ta­to il sal­to di categoria.

festa riva

Segue gal­le­ry com­ple­ta dei festeg­gia­men­ti gialloblù.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: