Chi è Giorgio Perego, il baby-talento del Lugano esploso a Mendrisio

Sarà capi­ta­to a tut­ti di dover rileg­ge­re qual­co­sa pri­ma di appren­de­re di non esser­vi sba­glia­ti a leg­ge­re. E sen­za tan­ti giri di paro­le, lo ammet­tia­mo, è capi­ta­to anche a noi, e anche in più occasioni.

Una di que­ste è sta­ta il 20 novem­bre 2016. In quel fred­do gior­no di metà novem­bre ci tro­va­va­mo al Comu­na­le di Men­dri­sio. Pote­va­mo mica per­der­ci Men­dri­sio-Gos­sau, 20esima gior­na­ta del cam­pio­na­to di Pri­ma Lega.

I momò all’e­po­ca alle­na­ti da Rober­to Gat­ti sfi­da­va­no un Gos­sau in salu­te e for­te di alcu­ni ele­men­ti di espe­rien­za in gra­do di risol­ve­re le par­ti­te da soli. Guar­dan­do il foglio par­ti­ta l’e­si­to sem­bra­va scon­ta­to: alme­no sul­la car­ta c’e­ra­no ben poche spe­ran­ze di fare pun­ti. Vuoi per la for­za del­l’av­ver­sa­rio, vuoi per­ché la for­ma­zio­ne men­dri­sien­se non era al com­ple­to. In pan­chi­na, infat­ti, c’e­ra­no i soli esor­dien­ti Opi­pa­ri, Bosn­jak, Nabo­ni, Pere­go e Mar­ti­nel­li, gli ulti­mi tre tut­ti clas­se 2001.

Giorgio Perego – Mendrisio

Sta per ini­zia­re la ripre­sa, quan­do, pri­ma di dare il via ai secon­di 45′, il diret­to­re di gara San­di Bosnic dà il via libe­ra ai padro­ni di casa di effet­tua­re un cam­bio: fuo­ri Zara, den­tro Pere­go. In quel momen­to, tra stu­po­re e curio­si­tà, gran par­te degli spet­ta­to­ri han­no abbas­sa­to gli occhi sul­la distin­ta par­ti­ta. Gior­gio Pere­go, nume­ro 4, nato il 2 otto­bre 2001. Tra­dot­to, 15 anni, 1 mese e 18 gior­ni. Al comu­na­le sta per ini­zia­re la favo­la di un ragaz­zi­no con anco­ra quat­tro anni e mez­zo di allie­vi davanti. (!)

Giorgio Perego – Mendrisio

Che Rober­to Gat­ti ci aves­se visto lun­go lo si è capi­to subi­to. Il ragaz­zo ha il san­gue fred­do, le gam­be non tre­ma­no dal­l’e­mo­zio­ne, e la men­te fun­zio­na a mera­vi­glia. In pochi minu­ti il Men­dri­sio pas­sa in van­tag­gio, la par­ti­ta diven­ta maschia e il fred­do con­ge­la idee e musco­li del­le due com­pa­gi­ni. Non intac­ca pero la voglia di Pere­go. Il baby-esor­dien­te fa spor­tel­la­te con gen­te del cali­bro di Knö­p­flel, sra­di­ca pal­lo­ni a destra e a man­ca e per fini­re in bel­lez­za ser­ve l’as­si­st per il 2–0. Mascaz­zi­ni con­clu­de l’o­pe­ra, pri­ma del­la rete del­la ban­die­ra degli ospiti.

Da lì in poi è qua­si chia­ro a tut­ti che Pere­go, nono­stan­te la gio­va­nis­si­ma età, pos­sa rita­gliar­si il suo spa­zio in un cam­pio­na­to d’e­spe­rien­za come quel­lo di Pri­ma Lega. Ma non sarà la sta­gio­ne 2016–2017 quel­la del­la defi­ni­ti­va svol­ta. Gat­ti schie­ra il gio­va­ne solo in un’al­tra occa­sio­ne, 10′ nel­la suc­ces­si­va par­ti­ta (3–3) con­tro il San Gallo.

Giorgio Perego - Mendrisio

È con Arde­ma­gni in pan­chi­na che Pere­go spic­ca defi­ni­ti­va­men­te il volo. Dopo cin­que par­ti­te tra tri­bu­na e pan­chi­na, il baby cen­tro­cam­pi­sta vie­ne impie­ga­to per 14′ con­tro il Tug­gen, poi subi­to un occa­sio­ne da tito­la­re (Wett­swil) la pri­ma in asso­lu­to con la maglia del Men­dri­sio e un’al­tra anco­ra in casa con­tro il Bal­zers. Col pas­sa­re del­le gior­na­te non c’è più biso­gno di guar­da­re il foglio par­ti­ta. Quel ragaz­zo col nume­ro 4, ormai lo cono­sco­no tut­ti. E i pochi che anco­ra non lo san­no lo capi­sco­no il 12 mag­gio 2018, quan­do in casa del­l’­Höngg met­te a segno l’u­ni­ca rete del­la par­ti­ta che per­met­te al Men­dri­sio di con­ti­nua­re a sogna­re un posto nei playoff di Pri­ma Lega.

giorgio perego

Il 26 mag­gio, l’ul­ti­ma par­ti­ta casa­lin­ga del Men­dri­sio con­tro il Red Star, anche il pre­si­den­te del Luga­no Ange­lo Ren­zet­ti si è reca­to al Comu­na­le per osser­va­re coi pro­pri occhi il gio­va­ne cen­tro­cam­pi­sta. Com’è anda­ta a fini­re? Un con­trat­to coi bian­co­ne­ri per quat­tro anni, il pri­mo in pre­sti­to anco­ra al Men­dri­sio sot­to il cap­pel­lo di Mat­tia Cro­ci-Tor­ti, a cui spet­ta il com­pi­to di lan­cia­re defi­ni­ti­va­men­te il pro­met­ten­te 16enne con già all’at­ti­vo 19 pre­sen­ze in Pri­ma Lega e un con­trat­to con un club di Super Lea­gue in mano.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: