Agno, tra arrivi, partenze, e ambizioni. Cattelan: “Niente ipocrisia, lavoriamo per riportare il club dove merita”

Il FC Agno è rina­to uffi­cial­men­te la scor­sa sta­gio­ne, ripar­ten­do dal bas­so: in una Quin­ta Lega che di fat­to, per sto­ria e tra­di­zio­ne, sta­va stret­ta al club bian­co­ros­so. E allo­ra, mister Peve­rel­li e i suoi ragaz­zi han­no sca­la­to il pri­mo sca­li­no pre­vi­sto: quel­lo del­la pro­mo­zio­ne in Quar­ta Lega. Lo han­no fat­to con meri­to, gra­zie a un orga­ni­co d’al­tra cate­go­ria, ben stu­dia­to dai diri­gen­ti del club malcantonese.

Tra que­sti figu­ra anche una per­so­na­li­tà di spic­co come Sacha Cat­te­lan, glo­rio­so difen­so­re del Chias­so un decen­nio fa e cal­cia­to­re apprez­za­to nel nostro Tici­no. Con il vice pre­si­den­te del­l’A­gno abbia­mo fat­to il pun­to del­la situa­zio­ne in vista del cam­pio­na­to di Quar­ta Lega. Com­pe­ti­zio­ne dove l’A­gno vuo­le esse­re di cer­to protagonista.

Dopo la fan­ta­sti­ca pro­mo­zio­ne del­lo scor­so anno, con qua­li obiet­ti­vi ripar­ti­te in Quarta?

“Ripar­tia­mo con rin­no­va­to entu­sia­smo e voglio­si di con­fer­ma­re quan­to di buo­no mostra­to la pas­sa­ta sta­gio­ne. Con­sci di dispu­ta­re un cam­pio­na­to deci­sa­men­te più com­pe­ti­ti­vo, non voglia­mo lascia­re spa­zio a trop­pa ipo­cri­sia: dal lato spor­ti­vo, per que­sta sta­gio­ne, la pro­mo­zio­ne in ter­za lega è il nostro obiet­ti­vo nume­ro uno!
In ogni modo, lavo­ria­mo sodo non solo sul cam­po e ci auspi­chia­mo di con­so­li­da­re il FC Agno come una rina­ta real­tà spor­ti­va nel Mal­can­to­ne e in Ticino”.

Sono sta­ti fat­ti degli acqui­sti mirati…chi ha lascia­to e chi è arri­va­to al club?

“Sia­mo feli­ci e orgo­glio­si che il grup­po sia riu­sci­to ad amal­ga­mar­si deci­sa­men­te bene nel cor­so di que­sta pri­ma sta­gio­ne appe­na con­clu­sa dopo la rina­sci­ta. Sia­mo riu­sci­ti a con­fer­ma­re gio­ca­to­ri pre­zio­si, man­te­nen­do così com­pat­ta l’ossatura del­la squadra.
Non faran­no più par­te del FC Agno i bom­ber del­la pas­sa­ta sta­gio­ne Luiz Rodri­gues e Fara­din Beri­sha, che sia­mo pron­ta­men­te riu­sci­ti a sosti­tui­re con gio­ca­to­ri offen­si­vi di qua­li­tà come Fran­ci­sco Aguir­re, Die­go Ser­rao (entram­bi dal Mal­can­to­ne), Mar­co Dini, Chri­sto­phe Tur­cot­ti e Leo Ago­sti­ni (tut­ti dal Bre­gan­zo­na). Sia­mo non­di­me­no riu­sci­ti a ripor­ta­re ad Agno Sil­vio Enri­que (dal­la Cam­pio­ne­se), gio­ca­to­re dal­le qua­li­tà indi­scus­se che gio­stre­rà vero­si­mil­men­te davan­ti alla dife­sa. Inol­tre, sia­mo anco­ra in con­tat­to con diver­si gio­ca­to­ri di cui alcu­ni si sono già aggre­ga­ti al grup­po per le pri­me due set­ti­ma­ne di preparazione”.

Sacha Cattelan 2

Vi sie­te mes­si d’im­pe­gno per ripor­ta­re l’A­gno dove meri­ta. Qual è l’in­ten­zio­ne a lun­go termine?

“Mi limi­to al lato spor­ti­vo. Sia­mo mol­to ambi­zio­si di natu­ra. Tut­ta­via ci pia­ce sta­re con i pie­di ben sal­da­ti in ter­ra. Sia­mo inol­tre rea­li­sti, l’ambizione e la pas­sio­ne sono fon­da­men­ta­li ma per riu­sci­re a rag­giun­ge­re degli “exploit” sono diver­si i fat­to­ri che entra­no in gio­co e devo­no col­li­ma­re per­fet­ta­men­te. Il nostro obiet­ti­vo a medio-lun­go ter­mi­ne è, ad oggi, rag­giun­ge­re la secon­da lega e ripor­ta­re il FC Agno nel mas­si­mo cam­pio­na­to a livel­lo regionale”.

Die­tro a una gran­de squa­dra c’è una gran­de socie­tà. Quan­to fa la dif­fe­ren­za il vostro attac­ca­men­to alla maglia nel suc­ces­so del team?

“Asso­lu­ta­men­te vero, ciò che dice riguar­do al con­nu­bio tra squa­dra e socie­tà! Abbia­mo cer­ca­to di crea­re un comi­ta­to for­ma­to da per­so­ne mol­to vali­de, ognu­na con man­sio­ni ben defi­ni­te che valo­riz­za­no le qua­li­tà di ognu­no. Ciò che ci acco­mu­na è la pas­sio­ne per il cal­cio e l’amore per il Bor­go di Agno in gene­ra­le, che per noi resi­den­ti si può defi­ni­re visce­ra­le. Gesti­re una socie­tà spor­ti­va è un impe­gno impor­tan­te, den­tro ma soprat­tut­to fuo­ri dal cam­po. Per noi, che sia­mo tut­ti volon­ta­ri, la pas­sio­ne e l’attaccamento alla maglia sono ele­men­ti fon­da­men­ta­li per poter garan­ti­re una cer­ta qua­li­tà del nostro ope­ra­to e soprat­tut­to per esse­re costan­ti nel tempo”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: