Ascona, parla Akai: “Dissidi con alcuni giocatori. Rammarico sì, ma…”

È un Jonathan Akai deluso dalla separazione con l’Ascona quello che sentiamo telefonicamente nel pomeriggio di oggi. L’ormai ex allenatore dei biancoblù ha spiegato a Laborsport.com alcuni retroscena delle sue dimissioni in seno all’Ascona.

“Si sono creati alcuni contrasti con certi giocatori e non c’era più la stessa armonia. Giocatori che avevano la più totale fiducia, ma non hanno ripagato con la stessa moneta”.

“La società ha chiaramente cercato di trovare la soluzione migliore per ambo le parti, in quanto sono stato io a prendere i giocatori della zona per poter migliorare l’affluenza al campo”.

“Mi reputo un ragazzo deciso, di conseguenza ho preferito agire nell’interesse della società. Avevo già preso la mia decisione prima del colloquio con i vertici che hanno fatto di tutto per tenermi come allenatore della Seconda Lega”.

“C’è rammarico perché tutti i giocatori in rosa sono stati cercati e voluti da me, ma il calcio è imprevedibile. Avendo solo 27 anni questa esperienza mi ha insegnato tanto e sicuramente mi ha fatto aprire gli occhi”.

“Futuro? Non lo so. Ci sono alcune squadre interessate e altre che interessano a me. Mi prendo il mio tempo e auguro all’Ascona il meglio per il futuro”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: