Riarena, mister Fanaro suona la carica: “Che entusiasmo il primo punto. Salvezza? Ci crediamo”

Lo scorso weekend potrebbe segnare un punto di svolta nella stagione del Riarena neopromosso in Seconda Lega. Dopo otto partite senza aver collezionato punti, i locarnesi sono riusciti a centrare il primo punto della stagione contro un buon Rapid Lugano.

Abbiamo intervistato l’allenatore del Riarena Fabrizio Fanaro per sentire come il suo gruppo ha accolto il primo punto stagionale.

“Ci voleva proprio. È una liberazione, è un pareggio che fa tanto per il morale e che riporta un po’ di entusiasmo. Eravamo entrati in un trend negativo di sconfitte e quando entri in certi vortici poi è difficile venirne fuori”.

Ti aspettavi queste difficoltà?

“Sì, certo, Sarei bugiardo se dicessi di no. Attualmente ci sono rose molto più attrezzate della nostra. Il Riarena sta pagando a caro prezzo l’inesperienza della categoria. Ma i giocatori stanno imparando partita dopo partita. Peccato che il primo punto sia arrivato “tardi”.

La salvezza come obiettivo: utopia o ci sperate ancora?

“Ci crediamo. Mancano 17 partite e tutto è ancora aperto. Non dobbiamo fare l’errore di guardare la classifica. Dobbiamo prendere partita per partita e alla fine tireremo le somme. Sono convinto che la mia squadra possa lasciare l’ultima posizione in classifica”.

Come sta reagendo la squadra emotivamente parlando?

“Il gruppo, nonostante le otto sconfitte consecutive, è sempre rimasto unito. È quindi d’obbligo fare un applauso ai ragazzi che hanno la forza di continuare a lavorare serenamente e tutti insieme per l’unico nostro obiettivo, la salvezza”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: