3L: Riva ripreso due volte, con il Lusiadas è 2–2

Da Fcriva.com
Archi­via­to il roboan­te suc­ces­so, il ter­zo con­se­cu­ti­vo, per 8 a 6 ai dan­ni del Bre­gan­zo­na, il Riva di Ste­fa­no Lip­p­mann è tor­na­to in cam­po lo scor­so fine set­ti­ma­na per il nono tur­no di Ter­za Lega Grup­po 1.Al San Gior­gio di Riva è sbar­ca­to il Lusia­das, squa­dra dall’anima por­to­ghe­se e avan­ti di un solo pun­to in clas­si­fi­ca rispet­to ai Gla­dia­to­ri del lago.

Tre i cam­bi for­za­ti per Lip­p­mann rispet­to alla pre­ce­den­te par­ti­ta col Bre­gan­zo­na. Con Man­te­gaz­zi e Scac­chi assen­ti per impe­gni extra-cal­ci­sti­ci, l’allenatore riven­se ha rimo­del­la­to la linea difen­si­va spo­stan­do Castel­let­ti sul­la sini­stra e rilan­cian­do Ric­ky Vas­sal­li dal pri­mo minu­to, men­tre Nick Padu­la si è, per l’occasione, tra­sfor­ma­to in pri­ma pun­ta. Con Ghez­zu Livi costret­to ad arri­va­re a par­ti­ta in cor­so, è toc­ca­to a capi­tan Faz­liu destreg­giar­si nel tri­den­te col Gal­lo Livi e Padula.

Dopo una timi­da fase di stu­dio da ambo le par­ti, è la for­ma­zio­ne di casa a pren­de­re corag­gio. A man­da­re in van­tag­gio il Riva ci ha pen­sa­to Faz­liu. L’attaccante gial­lo­blù ha tra­fit­to il por­tie­re avver­sa­rio con una pre­ci­sio­ne poten­te e pre­ci­sa al volo sfrut­tan­do al meglio un tra­ver­so­ne chi­rur­gi­co di Padula.

Pron­ta la rispo­sta del Lusia­das: un erro­re sul­le media­na dei loca­li dà il via al con­tro­pie­de ospi­te, con­clu­so­si con la rete del ‘soli­to’ Sou­sa. Il pareg­gio ridà nuo­va lin­fa ai luga­ne­si, che pri­ma del­la pau­sa pro­va­no a impen­sie­ri­re Festa, ma l’estremo difen­so­re gial­lo­blù si fa tro­va­re sem­pre pronto.

Nel­la ripre­sa, la voglia di cal­cio è tan­ta. I loca­li pro­va­no a buca­re l’avversario con tra­me di gio­co pre­ci­se: i lan­ci di Bosn­jak per le ali met­to­no in con­fu­sio­ne la retro­guar­dia ospi­te. Al 52esimo il Riva tro­va la rete del momen­ta­neo 2–1 sem­pre con Faz­liu, anco­ra a segno da posi­zio­ne defi­la­ta, alla sua pri­ma dop­piet­ta stagionale.

Col pas­sa­re dei minu­ti il Lusia­das si ren­de sem­pre più peri­co­lo­so, ma il muro eret­to dall’accoppiata Kos-Rai­no­ne sem­bra­va poter reg­ge­re bene alle avan­za­te avver­sa­rie. Sem­bra­va, già. Per­ché ‘il lupo per­de il pelo ma non il vizio’ e allo­ra ecco l’ennesima rete subi­ta nei minu­ti di recu­pe­ro sugli svi­lup­pi di un cal­cio di punizione.

Un pun­to a testa che, tut­to som­ma­to, accon­ten­ta tut­te e due le squa­dre e rispec­chia quan­to visto in campo.

I Gla­dia­to­ri del Lago tor­ne­ran­no in cam­po dome­ni­ca, quan­do Nes­si e com­pa­gni saran­no ospi­ti dei cugi­ni del Maroggia.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: