2L: Pari e…proteste tra Vedeggio e Cadenazzo

La storia che sottostà alla partita, davvero lunga da raccontare senza tralasciare alcun dettaglio, non era molto difficile da prevedere in sede di pronostico. Bando a quanto potranno sostenere gli allenatori – ai quali va ovviamente il massimo rispetto – si è giocato senza alcun pregiudizio tattico, tanto che gli ospiti si sono presentati di fatto con quattro attaccanti e che i padroni di casa ne hanno camuffato uno da falso centrocampista. Con tale premessa non è stato difficile assistere ad una partita ricca di occasioni e di episodi che hanno fatto e faranno discutere.

E’ finita in parità: e anche su questo risultato i pareri potranno essere contrastanti. Quello di Roberto Gatti lo abbiamo raccolto a fine gara: “Credo che il risultato sia corretto. Noi siamo stati capaci di sfruttare due loro errori per portarci in doppio vantaggio, ma loro hanno uno tasso di individualità tecniche che non preclude mai la fine anticipata di una partita. Sono stati bravi a reagire, ma proprio quando il 2-2 avrebbe potuto tagliarci le gambe siamo stati protagonisti assoluti dell’ultimo quarto d’ora mancando il gol per un niente. Ora vedremo quali saranno gli obiettivi della società perché nessuno poteva aspettarsi un girone di andata da 24 punti. Abbiamo ancora la possibilità di tenere aperte le porte sia sul campionato che sulla coppa, ma le basi per fare meglio devono essere rafforzate. Considerando che sono stato “allontanato” lascio che siate voi a giudicare quanto e se la direzione arbitrale abbia influito sul risultato di oggi”.

Primo quarto d’ora di prevalenza Vedeggio, ma il primo tiro nello specchi della porta è quello del blaugrana Naboni dopo 12’. Un errore di incomprensione della difesa ospite ha acceso i riflettori con Fotapimo lesto ad approfittare di un regalo per battere una prima volta l’incolpevole Rotta (15’). Il vantaggio casuale non ha dato al Cadenazzo maggiore vitalità e l’arrembaggio ai sedici metri dell’area locale ha prodotto tre calci piazzati da posizione favorevole tuttavia non sfruttati. Il Vedeggio si è affidato alle ripartenze e dopo aver fatto le prove per il 2-0 con un sinistro alto dopo bella azione a due tocchi, Salerni lo ha realizzato in contropiede (lanciato da Scatena) sfruttando un ennesimo errore degli avversari che hanno perso palla da una rimessa laterale in fase offensiva (28’). Dopo una botta di Elia, deviata in angolo da Capelletti, la squadra di Berriche ha trovato il contestatissimo 2-1: Bilinovac salta per la prima ed ultima volta il proprio avversario diretto e mette al centro un pallone che in qualche modo finisce alle spalle di Capelletti. Tempestive ed immediate le proteste dei locali per un presunto ultimo e decisivo tocco ad opera di un giocatore in netto offside: lo speaker attribuirà la rete ad Elia, ma sarà da verificare il referto del Sig. Luzzani.

Bilinovac ha sui piedi la palla del 2-2 ma calcia malamente e subito dopo il tecnico Gatti viene allontanato per proteste per un primo grave errore di valutazione del guardalinee che ferma per fuorigioco (che non c’è) prima Salerni e due minuti dopo Fotapimo.

Nella ripresa, il Cadenazzo è padrone del campo, ma paradossalmente diventa protagonista Simone Rotta che prima devia con la punta dello scarpino in angolo un diagonale di Fotapimo (50’) e poi impaurisce Salerni che da posizione favorevole spara alto (64’). Resta la sensazione che il Cadenazzo sia in odor di pareggio (ci provano in sequenza Milosevic, Elia e Censi) e il gol arriva con pieno merito grazie ad un’invenzione di Teixeira (uno dei migliori) che con un rasoterra da biliardo fa carambola sul palo e lascia di pietra Capelletti.

La rete, potrebbe essere quella della svolta, ma da questo momento è il Vedeggio ad impossessarsi del centrocampo: Gatti passa ad un più equilibrato 4-4-2 mentre Berriche non risponde alla mossa dell’avversario puntando tutto sul proprio reparto offensivo, modificato negli interpreti dagli ingressi di Silva e Muadianvita.

In sequenza fioccano le occasioni da goal per la squadra di Gatti tra le quali uno spunto a tutto campo di Ceriani male finalizzato da Fotapimo che spara oltre il tabellone dal limite dell’area piccola (68’); una punizione del neo entrato Spini deviata in tuffo da Rotta (71’); un colpo di testa di Salerni (76’), una deviazione di Ceriani (79’), un colpo di testa di Komadina (93’) ed infine un clamoroso goal mancato da Fotapimo che in velocità salta Rotta ma a porta vuota calcia malamente sull’esterno della rete (95’).

In una classifica ancora condizionata dai numerosi recuperi da effettuare, la squadra di Gatti si assesta a quota 23 punti perdendo alcune posizioni mentre quella di Maurizio Berriche – al secondo pareggio stagionale – resta nel centro classifica con 17 punti. Per l’attaccante Eric Fotapimo si è trattato del nono centro stagionale.

Vedeggio Calcio – FC Cadenazzo 2-2 (2-1)

Reti: 15’ Fotapimo 1-0, 28’ Salerni 2-0, 30’ Elia 2-1, 66’ Teixeira 2-2.

Vedeggio Calcio: Capelletti 6,5; Naboni 6 (56’ Barella 6), Ceriani 7, Aiello 6,5, Dolci 6; Schipani 5,5, Montini 7, Pavanello 5,5 (74’ Komadina 6); Scatena 5,5 (62’ Spini 5,5), Fotapimo 6, Salerni 6,5 (90’ Rocca SV). All. Gatti.

A disposizione: Orelli, Benetazzo, Espinoza.

FC Cadenazzo: Rotta 6,5; Grgic SV (24’ Lafranchi 7), Rasimi 6, Diuric 6,5, Emini 6,5; Teixeira 7, Milosevic 6 (79’ Muadianvita SV); Fiori 5,5 (65’ Silva 6), Elia 5,5, Censi 5,5, Bilinovac 5,5. All. Berriche.

A disposizione: Kaufmann, Caccia, Milojevic.

Note: Cadempino – 80 spettatori – Arbitro: Gianluca Luzzani 5 (Andrea Zaccari 4, Miodrag Mihajlovic 4). Ammoniti: 27’ Pavanello, 78’ Milosevic, 85’ Rasimi. Espulso: 35’ Gatti (proteste). Vedeggio senza: Vecchi, Giallonardo, Caraglia, Quadri, Ortelli, Rocha (infortunati) e Stilo (training). Cadenazzo senza Perucchini, Zucconi (non convocati), Dias (vacanze), nani (convalescente) e Bustamante (infortunato).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: