L’Alfabeto di Laborsport: V come…vedi Rey e poi ci speri

La penul­ti­ma pun­ta­ta del­l’Al­fa­be­to di Labor­sport toc­ca un tema d’at­tua­li­tà: il pas­sag­gio di Antoi­ne Rey a Men­dri­sio. Un col­po genia­le del­la socie­tà momò, pron­ta a sfi­da­re tut­ti e tut­to per acciuf­fa­re la sal­vez­za. V come…vedi Rey e poi ci speri.

Rispo­ste si cer­ca­va­no e rispo­ste sono arri­va­te. Men­tre mol­ti pen­sa­va­no che il Men­dri­sio stes­se lascian­do che il tem­po faces­se il suo cor­so con la mani in mano, la nuo­va socie­tà bian­co­ros­so­ne­ra era al lavo­ro per cer­ca­re vol­ti nuo­vi in gra­do di pro­va­re ad acciuf­fa­re la sal­vez­za nel giro­ne di ritorno.

In silen­zio, il Men­dri­sio del pre­si­den­te Pel­le­gri­ni, nel­le per­so­ne di Gia­co­mo Medi­ci in qua­li­tà di team mana­ger e Luca Ron­co­ro­ni come diret­to­re spor­ti­vo, ha piaz­za­to un col­po da cen­to­die­ci e lode.

Esse­re riu­sci­ti a por­ta­re Antoi­ne Rey al Comu­na­le è, va det­to, un’impresa che deve infon­de­re fidu­cia nell’operato del­la socie­tà, pron­ta ad annun­cia­re gli altri acqui­sti attra­ver­so un’iniziativa social.

Per arri­va­re a Rey, il comi­ta­to ese­cu­ti­vo del Men­dri­sio si è mos­so parec­chio, sino­ni­mo di un inte­res­sa­men­to con­cre­to, rea­le. Lo han­no cor­teg­gia­to a lun­go, con­ser­va­to la spe­ran­za nel più pro­fon­do del cuo­re e infi­ne han­no strap­pa­to il sì del cen­tro­cam­pi­sta con all’attivo qua­si 300 pre­sen­ze in Chal­len­ge Lea­gue e 52 in Super Lea­gue. Chia­ma­lo poco.

Per capi­re l’importanza dell’acquisto di Rey, uomo di spes­so­re da cui pas­se­ran­no vero­si­mil­men­te le geo­me­trie del Men­dri­sio tar­ga­to Bet­ti­nel­li, basta anda­re al Riva IV e chie­de­re cosa ne pen­sa­no del­la par­ten­za del ‘bion­di­no’ che non smet­te mai di correre.

Già, per­ché oltre a pie­di buo­ni e visio­ne di gio­co eccel­len­te, Rey ha pure pol­mo­ni e cor­sa, oltre a una buo­na dosa di grin­ta ago­ni­sta che a que­sto Men­dri­sio ser­ve e ser­vi­rà come il pane.

Antoi­ne Rey deve anco­ra indos­sa­re la maglia a scac­chi e già tut­to il pae­se con­fi­da in lui. Moti­vo di pres­sio­ne? Mac­ché. Non per il capi­ta­no del­la sca­la­ta del Luga­no in Super League.

Dopo mesi tem­pe­sto­si e pri­vi di gio­ie spor­ti­ve, a Men­dri­sio sono pron­ti a nuo­ve cor­ren­ti di aria fre­sca, pos­si­bil­men­te che pro­fu­mi di sal­vez­za. E con un Rey in più… tut­to può succedere.

One thought on “L’Alfabeto di Laborsport: V come…vedi Rey e poi ci speri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: