2LI: Paradiso, parola a bomber Iaconis: “Abbiamo tutto per stare lassù. Il merito è di tutti”

Il Para­di­so di Andrea Lan­za non smet­te di stu­pi­re. Da neo­pro­mos­so in 2LI, il club tici­ne­se guar­da tut­ti dal­l’al­to al bas­so mostran­do fie­ro la magliet­ta bian­ca, quel­la del­l’im­bat­ti­bi­li­tà. Meri­to, anche, di un attac­co for­mi­da­bi­le com­po­sto dal tan­dem Iaco­nis-Pain, duo che fece la for­tu­na di Para­di­so l’an­no scor­so e pri­ma anco­ra del Novaz­za­no.

Iaco­nis ha appe­na taglia­to il tra­guar­do del­le 10 reti in cam­pio­na­to. Una cifra che sod­di­sfa il bom­ber ita­lia­no. “Non nego che alla clas­si­fi­ca mar­ca­to­ri ci dò un’oc­chia­ta. Sono però con­ten­to che i miei gol abbia­no por­ta­to pun­ti alla squa­dra e spe­ro di por­tar­ne mol­ti altri. Io non mi sono posto obiet­ti­vi, l’im­por­tan­te è che il Para­di­so con­ti­nui a vin­ce­re e che il nostro sogno diven­ti real­tà”.

Sogna­re, in casa Para­di­so, è dun­que leci­to. “Il meri­to va a tut­ti quel­li che fan­no par­te del­la socie­tà. Abbia­mo la for­tu­na di ave­re due gran­di alle­na­to­ri come Lan­za e Sta­gno che non lascia­no mai nul­la al caso e lavo­ra­no sem­pre per miglio­rar­ci gior­no dopo gior­no, sia indi­vi­dual­men­te che col­let­ti­va­men­te”.

“I meri­ti – con­ti­nua Iaco­nis – van­no anche a noi gio­ca­to­ri che stia­mo facen­do gran­di sacri­fi­ci per esse­re lì dove sia­mo, dia­mo sem­pre il 100% in alle­na­men­to e il rit­mo è alto per­ché c’è mol­ta com­pe­ti­zio­ne e tut­ti voglia­mo scen­de­re il cam­po nei pri­mi 11. Infi­ne ma non per ordi­ne di impor­tan­za, è il nostro pre­si­den­te Anto­nio Cag­gia­no, che ren­de pos­si­bi­le tut­to que­sto, non ci fa mai man­ca­re nul­la e ha tota­le fidu­cia del­lo staff e di noi gio­ca­to­ri, tut­ti cre­dia­mo fer­ma­men­te in que­sto pro­get­to”.

Cosa ser­ve al Para­di­so per con­ti­nua­re a sogna­re?. L’at­tac­can­te bian­co­ver­de cono­sce la ricet­ta. “Non ci man­ca nien­te. Abbia­mo la fame e le poten­zia­li­tà per con­ti­nua­re a sta­re las­sù. Dob­bia­mo sem­pli­ce­men­te con­ti­nua­re come stia­mo facen­do e scen­de­re in cam­po par­ti­ta dopo par­ti­ta con­sa­pe­vo­li che nes­su­no ci rega­le­rà nul­la. Anzi… gio­che­ran­no tut­ti alla mor­te per far­ci lo sgam­bet­to e bat­ter­ci. Dob­bia­mo dimo­stra­re sul cam­po di esse­re più for­ti, sen­za guar­da­re gli arbi­tri, la clas­si­fi­ca e gli avver­sa­ri”.

Abbia­mo chie­sto a Iaco­nis se c’è un ritua­le che fa pri­ma di ogni par­ti­ta, pur sapen­do che un attac­can­te di tale por­ta­ta è gelo­so dei pro­pri segre­ti. “Pri­ma del­la par­ti­ta sono tran­quil­lo: arri­vo al cam­po e ini­zio a pre­pa­rar­mi con cal­ma, ascol­to un po’ di musi­ca e fac­cio i mas­sag­gi. Poi par­la il mister e noi sia­mo pron­ti per scal­dar­ci e dare ini­zio alla bat­ta­glia”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: