Lema, non era un sogno. Mister Pedrini: “Battuta la squadra più forte del calcio regionale. Ma adesso…”

Pro­ba­bil­men­te, al suo risve­glio, l’allenatore del Lema Alfre­do Pedri­ni si sarà chie­sto se non fos­se sta­to solo un magni­fi­co sogno. Nien­te affat­to. La sua squa­dra è riu­sci­ta nell’impresa di eli­mi­na­re il Baler­na, capo­li­sta in Secon­da Lega, nel­lo scon­tro di Cop­pa Tici­no. Un suc­ces­so non casua­le, visto che il bigliet­to per i Quar­ti di Fina­le del­la com­pe­ti­zio­ne è sta­to ampia­men­te meri­ta­to (il Lema ha estro­mes­so anche il Mor­bio ai 32esimi ndr).

È un mister Pedri­ni rag­gian­te quel­lo che sen­tia­mo all’indomani del­lo splen­di­do suc­ces­so. “Dicia­mo – dice – che è sta­ta una bel­la sera­ta”. Poi fa i com­pli­men­ti ai suoi: “Ave­va­mo di fron­te la squa­dra più for­te del cal­cio regio­na­le e sia­mo riu­sci­ti a bat­ter­li. Per tene­re testa a loro dove­va­mo esse­re tat­ti­ca­men­te per­fet­ti. E lo sia­mo sta­ti. Tec­ni­ca­men­te dove­va­mo esse­re bra­vi a sba­glia­re il meno pos­si­bi­le. E ci sia­mo riu­sci­ti. Dove­va esse­re una bat­ta­glia. E lo è sta­ta”.

La vit­to­ria, secon­do il tec­ni­co del Lema, “è sta­ta meri­ta­ta. Ai ragaz­zi van­no i com­pli­men­ti per­ché han­no fat­to tut­to quan­to richie­sto. Ades­so però biso­gna rimet­te­re la testa al cam­pio­na­to, cosa non faci­le dopo una sera­ta del gene­re”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: