Calcio regionale violento: 20 giornate a un tesserato del Lusitanos

Da Liberatv.ch

È il pri­mo minu­to di recu­pe­ro del­la sfi­da tra Lusi­ta­nos e Coma­no (Quar­ta Lega), vali­da per la 19esima gior­na­ta, quan­do l’arbitro inter­rom­pe la par­ti­ta sul pun­teg­gio di 3:1 per i padro­ni di casa dopo l’ennesimo epi­so­dio di vio­len­za veri­fi­ca­to­si sui cam­pi regio­na­li.

La par­ti­ta – anti­ci­pa il Cor­rie­re del Tici­no – sta per vol­ge­re al ter­mi­ne e, nono­stan­te un risul­ta­to ras­si­cu­ran­te, un gio­ca­to­re del Lusi­ta­nos sfer­ra un pugno e un cal­cio a un avver­sa­rio dopo un diver­bio in cam­po. Imme­dia­ta la sospen­sio­ne dell’incontro e il car­tel­li­no ros­so diret­to al pro­ta­go­ni­sta.

I giu­di­ci del­la Fede­ra­zio­ne Tici­ne­se di Cal­cio han­no usa­to la mano pesan­te nei con­fron­ti del cal­cia­to­re del Lusi­ta­nos: 20 gior­na­te di squa­li­fi­ca. Se non è record, poco ci man­ca…
Inter­pel­la­to dal Cdt, il diret­to­re spor­ti­vo del Lusi­ta­nos ha con­dan­na­to l’episodio auspi­can­do­si che “il ragaz­zo non si fac­cia più vede­re da noi. Stia­mo facen­do tan­to per miglio­ra­re la nostra imma­gi­ne e i fat­ti del­lo scor­so wee­kend can­cel­la­no tut­ti il lavo­ro fat­to fino­ra”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: