CL: Chiasso, non puoi tradirti. 180′ per (ri)scrivere la storia

Ci sia­mo, il gior­no X è arri­va­to. Per for­tu­na o per sfor­tu­na. Pun­ti di vista. La Cit­tà di Chias­so è fibril­la­zio­ne: il club ros­so­blù ha chia­ma­to a rac­col­ta i suoi tifo­si nel­la spe­ran­za che, alme­no que­sta vol­ta con l’en­tra­ta gra­tui­ta e la soprav­vi­ven­za in Chal­len­ge Leguae in palio, le tri­bu­ne del Riva IV si riem­pio­no.

A 180′ dal­la fine del­la sta­gio­ne, il Chias­so di Andrea Man­zo non può più con­ce­der­si sba­gli. Sba­glia­re, a que­sto pun­to, signi­fi­che­reb­be, la cer­tez­za di dire addio alla Chal­len­ge. Una pro­spet­ti­va che anda­va sì mes­sa in con­to a ini­zio sta­gio­ne, ma che spa­ven­ta non poco i soste­ni­to­ri ros­so­blù.

Al Riva IV que­sta sera arri­ve­rà l’Aa­rau, in for­ma sma­glian­te e redu­ce da un pareg­gio imme­ri­ta­to con un for­tu­na­to Kriens. Si deve fare la sto­ria e que­sto Andrea Man­zo lo sa: è appar­so luci­do e con­sa­pe­vo­le del­la posta in palio nel­le inter­vi­ste rila­scia­te ai media alla vigi­lia del match più impor­tan­te del­la sta­gio­ne.

Il tec­ni­co ros­so­blù ha par­la­to anche di for­ma­zio­ne, rive­lan­do che “scen­de­rà in cam­po solo chi cre­de dav­ve­ro nel­la sal­vez­za”, tran­cian­do i dub­bi in meri­to alle eccel­len­ti esclu­sio­ni del­l’ul­ti­mo perio­do. Se il Chias­so di deve sal­va­re, che lo fac­cia con chi suda per la maglia. E così sia…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: