Chiasso, così è tutto più “Belo”. I giovani made in Team Ticino salvano i rossoblù

Sono lacri­me vere quel­le sce­se sul vol­to di Andrea Man­zo al ter­mi­ne del­la par­ti­ta tra Wil e Chias­so. Spor­ti­va­men­te par­lan­do, la sua squa­dra è riu­sci­ta nel mira­co­lo: sal­var­si. E sono due i moti­vi per cui eti­chet­tia­mo la sal­vez­za ros­so­blù con la paro­la “mira­co­lo”. Uno: ipo­cri­ta è chi non con­si­de­ra­va il Chias­so spac­cia­to già alcu­ni mesi fa. Due: far­lo in rimon­ta all’ul­ti­ma gior­na­ta è qual­co­sa di pazzesco.

Far­lo con una rete di Simo­ne “Belo” Belo­met­ti anco­ra di più: per­ché il gol del­la soprav­vi­ven­za è arri­va­to da un ragaz­zo made in Team Tici­no, da un ragaz­zo tici­ne­se, da un gio­va­ne che ha ben pre­sto capi­to i valo­ri del club e ne ha spo­sa­ti fino a diven­ta­re “Capi­tan Futuro”.

Chiasso.jpeg

Il desti­no di Belo­met­ti e il Chias­so era, ci per­met­tia­mo di usa­re il pas­sa­to, anco­ra da discu­te­re fino alla rete di ieri pome­rig­gio. Era per­ché il con­trat­to sta­va per sca­de­re e biso­gna­va capi­re le inten­zio­ni di Belo­met­ti e il futu­ro del club. E for­se mai gesto fu più emble­ma­ti­co di una rete che ha sal­va­to anni e anni di sto­ria di un club che, anco­ra una vol­ta, si pren­de una rivin­ci­ta enor­me nei con­fron­ti di un cal­cio elve­ti­co che spes­so sem­bra sot­to­va­lu­ta­re il Tici­no e il suo cre­do calcistico.

Ma Belo­met­ti non è l’u­ni­ca nota posi­ti­va in casa Chias­so. Ad onor del vero, è dif­fi­ci­le tro­va­re note sto­na­te in un’im­pre­sa più uni­ca che rara. Del­l’im­por­tan­te sal­vez­za otte­nu­ta dal Chias­so c’è però un dato che non può e non deve esse­re tra­scu­ra­to: i gio­ca­to­ri cre­sciu­ti nel Team Tici­no che han­no con­tri­bui­to alla sal­vez­za: set­te di cui sei tito­la­ri e due a segno. Ono­re quin­di a Bel­lan­te, Mar­ti­gno­ni, Mani­co­ne, Padu­la, Gui­dot­ti, Belo­met­ti, Josipovic.

Foto da *ilmiochiasso.ch

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: