Rapid, senti Schiavon: “Con lavoro, organizzazione e gruppo si possono raggiungere risultati insperati”

Nathan Schia­von ripar­te. Lo fa da Rapid Luga­no dopo aver tra­scor­so inte­res­san­ti sta­gio­ni sul­la pan­chi­na del Val­le­mag­gia. Il richia­mo del cam­po, per uno come lui, era trop­po for­te. Impos­si­bi­le dire di no, quin­di, alla chia­ma­ta dei biancoblù.

“Un anno sen­za cal­cio è sta­to duro, visto che per 20 anni è sta­to il mio lavo­ro. Voglio quin­di rin­gra­zia­re il pre­si­den­te Rusco­ni per aver pun­ta­to su di me. Ripar­to con la voglia di fare bene e con un baga­glio d’e­spe­rien­za impor­tan­te dopo l’av­ven­tu­ra col Vallemaggia”.

“L’e­spe­rien­za – con­ti­nua – ser­ve e ser­vi­rà per com­pren­de­re gli erro­ri del pas­sa­to e non ripe­ter­li. Il grup­po, one­sta­men­te, lo cono­sco poco. Il 23 ripren­de­re­mo gli alle­na­men­ti a avrò modo duran­te la pre­pa­ra­zio­ne di cono­sce­re meglio i ragaz­zi e far­mi cono­sce­re per far pas­sa­re il mio mes­sag­gio di calcio”.

Schia­von par­la anche di obiet­ti­vi. “L’o­biet­ti­vo è quel­lo di fare meglio degli scor­si anni. Poi sarà il cam­po a dire se ci sare­mo riu­sci­ti o meno. L’im­por­tan­te è non por­si limi­ti: con il lavo­ro e l’or­ga­niz­za­zio­ne e il grup­po si pos­so­no rag­giun­ge­re tra­guar­di a vol­te insperati”.

Il pia­no del­le ami­che­vo­li del Rapid Luga­no è anco­ra in alle­sti­men­to, ma “pos­so anti­ci­pa­re che affron­te­re­mo sicu­ra­men­te il Marog­gia e sare­mo al trian­go­la­re a Ran­ca­te dopo ferragosto”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: