CS: Bellinzona contro lo Xamax per un esame di maturità. Un viaggio nel tempo per Jacobacci

Nien­te è impos­si­bi­le, soprat­tut­to nel cal­cio. Lo sa bene il Bel­lin­zo­na di Mau­ri­zio Jaco­bac­ci, in pie­na rin­cor­sa alle posi­zio­ni di ver­ti­ce in Pri­ma Lega Pro­mo­tion. Dome­ni­ca pome­rig­gio, i gra­na­ta ospi­te­ran­no il più quo­ta­to e ami­co di tan­te bat­ta­glie Neu­cha­tel Xamax di Jöel Magnin, attua­le ulti­ma for­za del mas­si­mo cam­pio­na­to elve­ti­co, per il secon­do tur­no di Cop­pa Svizzera.

Dome­ni­ca alle 15 Pel­lo­ni e com­pa­gni ospi­te­ran­no i ros­so­ne­ri per cer­ca­re un’impresa uti­le anche per pro­va­re a rilan­ciar­si dopo il KO di Rap­per­swil. D’altronde è sta­to lo stes­so nume­ro 1 bel­lin­zo­ne­se a spie­ga­re al Cdt che “i jol­ly ce li sia­mo gio­ca­ti”. D’ora in poi, ogni pas­so fal­so sarà un pas­so in meno ver­so l’obiettivo dichia­ra­to: tor­na­re in Chal­len­ge League.

Curio­si­tà:

Quel­lo di dome­ni­ca sarà un viag­gio nel tem­po per Mau­ri­zio Jaco­bac­ci. L’attuale alle­na­to­re del Bel­lin­zo­na fu pro­ta­go­ni­sta di un’operazione di mer­ca­to nel 1987/88 tra Neu­cha­tel e i granata.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: