Coldrerio, Riviera liquidato con un poker. Talayman, che favola!

Il Col­dre­rio di Mau­ri­zio Fab­bri non stec­ca il pri­mo appun­ta­men­to in Cop­pa Tici­no affron­tan­do con la dovu­ta men­ta­li­tà il FC Rivie­ra (Quin­ta Lega), capa­ce di segna­re qual­co­sa come 20 reti in tre partite.

Ieri è rima­sto a sec­co l’attacco di mister Mar­chio e non quel­lo di Fab­bri. I momò acce­do­no ai sedi­ce­si­mi di fina­le con un 0–4 che por­ta tan­te note posi­ti­ve con sé. La pri­ma – non in ordi­ne di impor­tan­za – è la dop­piet­ta di Gal­fet­ti, la secon­da la rete di Sca­la­bri­ni. Ma a far sor­ri­de­re il Col­dre­rio e più in gene­ra­le il cal­cio regio­na­le è il ritor­no con gol alle com­pe­ti­zio­ni di Tho­mas Talay­man, redu­ce da un lun­go cal­va­rio (non gio­ca­va dal­l’a­pri­le 2017 ndr) che può final­men­te met­ter­si alle spal­le. Wel­co­me back guerriero.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: