2L: Scontro al vertice Malcantone-Arbedo. Il Morbio spera e Righi avverte: “Vietati cali di tensione”

È un nono tur­no di Secon­da Lega deci­sa­men­te scop­piet­tan­te quel­lo che da doma­ni entra nel vivo. Impos­si­bi­le non pen­sa­re all’incrocio tra Mal­can­to­ne e Arbe­do, secon­da e pri­ma del­la clas­se divi­se solo da due pun­ti. Le for­ma­zio­ni di Copel­li e Rive­ra se la vedran­no tra di loro dome­ni­ca pome­rig­gio alle 15:30.

Pro­ve­rà ad appro­fit­tar­ne il Mor­bio di Ales­sio Righi, anche distan­te due pun­ti dal­la vet­ta e redu­ce dal 4–2 rifi­la­to al Cade­naz­zo. Gli “oran­ges” pro­ve­ran­no a gua­da­gna­re ter­re­no pre­zio­so, ma pri­ma dovran­no veder­se­la – doma­ni alle 18:30 – con un affa­ma­to Col­dre­rio di Fab­bri, scon­fit­to nell’ultimo tur­no dal Cade­ma­rio.

“Del­la pre­sta­zio­ne con­tro il Cade­naz­zo sono sod­di­sfat­to solo dei tre pun­ti per­ché non abbia­mo fat­to una gran­de par­ti­ta. Però la rea­zio­ne dopo esse­re sta­ti in svan­tag­gio c’è sta­ta ed è impor­tan­te. Era una gior­na­ta no e por­ta­re a casa pun­ti quan­do non rie­sci a fare le cose che fai di soli­to è una cosa posi­ti­va”.

“Ora – con­ti­nua – ci aspet­ta l’ultima par­te di anda­ta e sarà anco­ra più dif­fi­ci­le resta­re nel grup­po di testa. Dob­bia­mo fare qual­co­sa in più di quel­lo fat­to fino ad oggi. Non dob­bia­mo per­met­ter­ci cali di ten­sio­ne”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: