SL: Lugano atteso a Thun. Jacobacci: “Non guardo la classifica”

Il Lugano di Maurizio Jacobacci ha ancora tanto da dire. La pausa Nazionali ha permesso all’allenatore bianconero di lavorare sui concetti a lui più cari preparando l’importantissima trasferta in casa del Thun. Una trasferta che può allontanare i ticinesi dalle zone pericolose della classifica.

Tra il Thun fanalino di coda e il Lugano ballano solo quattro punti. Tanto basta per evidenziare come la posta in palio domani sia di vitale importanza. Ma Jacobacci la classifica non vuole guardarla. “Io – ha detto in conferenza stampa – mi sono prefissato di vincere tutte le partite che ci aspettano in campionato senza guardare la classifica. Ho un bel gruppo a disposizione: cerco di inculcare un calcio propositivo perché è nel mio carattere. Fin quando l’avversario non ci dice che è più forte in campo cercheremo sempre di attaccare. Dobbiamo credere nelle nostre qualità”.

E tra le qualità su cui sta lavorando l’ex tecnico del Bellinzona vi è quella di eliminare il fraseggio in fase difensiva. “A tutti piace giocare la palla in zona 1 – come viene chiamata in gergo –, ma bisogna anche sapere quando diventa rischioso. Preferisco che i miei spazzino una palla di più in tribuna che prendersi dei rischi. Fa parte del calcio”.

A Thun non ci sarà ancora l’infortunato capitan Sabbattini. “Manca a noi come mancherebbe a tutte le squadre. Dispiace averlo perso subito perché è un giocatore con un’intelligenza tattica molto importante”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: