Coppa Ticino: Il Coldrerio passa all’ultimo secondo dei supplementari

TAVERNE – Ci sono volu­te set­ti­ma­ne, ma alla fine si è gio­ca­to. Coma­no e Col­dre­rio han­no chiu­so defi­ni­ti­va­men­te i Sedi­ce­si­mi di fina­le di Cop­pa Tici­no que­sta sera dopo una serie di rin­vii che han­no obbli­ga­to­ria­men­te costret­to i gial­lo­ros­si a tro­var­si una nuo­va loca­tion. È sta­to quin­di il cen­tro spor­ti­vo dell’AC Taver­ne ad ospi­ta­re la sfi­da tra il Coma­no tar­ga­to Pagna­men­ta (Ter­za Lega) e Col­dre­rio di Fab­bri (Secon­da Lega). Ne è usci­ta una sfi­da tut­to som­ma­to equi­li­bra­ta con i bian­co­ros­si abi­li a por­tar­si subi­to in van­tag­gio con una fuci­la­ta di Tobler al quar­to minuto.

Rete, però, che ha for­se rilas­sa­to un po’ trop­po la ban­da momò che ha sì domi­na­to la pri­ma fra­zio­ne di gio­co, ma non si è mai resa peri­co­lo­sa dal­le par­ti di Orel­li se non al 31esimo con un palo col­pi­to da Ron­co­ro­ni. Ma il Coma­no non ha mol­la­to di un cen­ti­me­tro: ha sfrut­ta­to il blac­kout del Col­dre­rio ed ha avver­ti­to gli avver­sa­ri con una gio­ca­ta di Mazi­di, sul­la cui con­clu­sio­ne Sola­ri ha man­ca­to il tap-in.

Poco male per­ché dopo la pau­sa il Coma­no gua­da­gna sicu­rez­za e corag­gio. Si sbot­to­na di più, lascia libe­ro cam­po a un Mazi­di impren­di­bi­le e al 56esimo tro­va il pari. Meri­ta­to sì, ma for­tu­no­so nel­la rea­liz­za­zio­ne: una puni­zio­ne dai 25 metri vie­ne bat­tu­ta al cen­tro: Moghi­ni ci met­te la testa, la pal­la si alza in pal­lo­net­to e la tra­iet­to­ria bef­fa Vaghi: 1–1.

E qui nasce una nuo­va par­ti­ta con il Coma­no più deci­so, spa­val­do per cer­ti ver­si. Il Col­dre­rio ha anco­ra il pal­li­no del gio­co ma sba­glia tan­to in impo­sta­zio­ne. Stor­ni ha l’occasione al 65esimo di por­ta­re avan­ti i suoi, ma il Col­dre­rio si sal­va. Pas­sa­no i minu­ti e tut­to scor­re ver­so i sup­ple­men­ta­ri. Il Col­dre­rio ci pro­va un’ultima vol­ta a un minu­to dal­la fine, ma Orel­li tie­ne a gal­la i suoi con due inter­ven­ti mira­co­lo­si pri­ma su Nigiot­ti e dopo su Mirabelli.

Nei sup­ple­men­ta­ri tra Coma­no e Col­dre­rio è guer­ra a chi cede pri­ma con gli uomi­ni di Fab­bri più pro­po­si­ti­vi a cer­ca­re il gol e i gial­lo­ros­si accor­ti die­tro. È paz­ze­sco quel­lo che acca­de al 120esimo, ulti­mo secon­do del match. L’arbitro – otti­me le scel­te – annun­cia l’ultima azio­ne: un cor­ner per il Col­dre­rio. Pal­la in mez­zo, Orel­li la leg­ge bene, ma man­ca la pre­sa: la pal­la fini­sce sul­la testa di Besoz­zi e il Col­dre­rio strap­pa il pass per gli Otta­vi con tan­ta fati­ca. Ono­re al Coma­no che esce a testa altissima.

(RV)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: