La 2LI ai raggi X: Gambarogno, un 2019 da incorniciare

Il Gambarogno-Contone targato Tazio Peschera è pronto a salutare il 2019. Un 2019 che nel club rossonero sarà ricordato per sempre come l’anno del Triplete. Ma non solo.

No, perché oltre alla vittoria del campionato di Seconda Lega, Coppa Ticino e Supercoppa ticinese, il club del presidente Belossi ha dimostrato che in 2LI può starci alla grande. Dopo una avvio di campionato a stento, capitan Borga e compagni si sono adattati alla nuova categoria nel migliore dei modi chiudendo al settimo posto a tre punti dalla quarta posizione.

6 vittorie, due pareggi e 6 sconfitte. È questo il ruolino di marcia di un club che ha saputo tenere alto l’orgoglio ticinese in un campionato tanto avvincente quanto equilibrato come la 2LI. Niente investimenti faraonici, ma un oculata gestione delle risorse come i giovani promettenti della zona. Concetto da sempre vicino alla filosofia del club sopracenerino. La scelta di affidare la panchina al ‘maestro’ Peschera è stata ripagata: prima ha portato la squadra dove merita e poi – attraverso gioco e risultato – sta dimostrando che in quella categoria i rossoneri ci sanno stare. Eccome.

Sono Olindo Regazzi e Nicolò Tamagni i sempre presenti nel Gambarogno. I due difensori centrali hanno messo piede in campo in tutte le 15 partite della prima fase di stagione. Regazzi – al contrario del collega – ha però sempre disputato i 90’. A capitan Borga e Barros, invece, il primato della classifica marcatori interni con tre reti a testa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: