L’Alfabeto di Laborsport: C come…Cadenazzo e il ‘pres’ Caccia

Sono giorni intensi quelli che sta vivendo Arnaldo Caccia, il presidente del Cadenazzo che da ieri è alla ricerca di un allenatore dopo le dimissioni di Maurizio Berriche.

Delle dimissioni che “mi hanno un po’ sorpreso”, ci confida il tifoso numero uno dei bellinzonesi. “Perché – spiega – con ‘Berri’ andava tutto bene. Non sono mancate le discussioni: abbiamo messo sul tavolo pro e contro dell’andata, ma sostanzialmente eravamo in linea su tutto”.

Abbiamo messo Caccia alla lavagna e chiesto che voto darebbe ai suoi: “Un 7 pieno. Penso che il girone d’andata sia stato buono, anche se magari qualche punto in più ci manca. Pero la sesta posizione è buona e proveremo a migliorarci ancora nel ritorno”.

Un ritorno che, però, partirà con un nuovo allenatore. Chi? “Ancora non lo sappiamo. Questa sera avremo una riunione e decideremo con il comitato”. La promozione di Bustamante (già vice di Berriche ndr) può essere una soluzione? “Certo, ‘Pato’ è un ragazzo preparato che possiede anche il patentino per allenare in Seconda Lega. La soluzione interna può essere un’opzione che terremo sicuramente conto nella riunione di comitato”.

Con Caccia torniamo sull’argomento Berriche. “Mi dispiace che se ne sia andato. Questo lo sanno tutti. Ma è una sua scelta e come tale va rispettata. Con noi lui si è sempre comportato bene e in maniera leale. Provare a convincerlo di qualcosa in cui non credeva non era la giusta soluzione”.

Concludiamo la piacevole chiacchierata con il presidente del Cadenazzo parlando di futuro, mercato e obiettivi. “Non sarà facile, ma proveremo a migliorarci ancora. Il nostro obiettivo è quello di centrare la salvezza il più rapidamente possibile in modo tale da far giocare con regolarità anche qualche giovane del settore giovanile. Mercato? Per ora priorità all’allenatore, poi vedremo…”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: