L’Alfabeto di Laborsport: O come Osmani, il ‘2000’ protagonista in Seconda Lega

18 presenze in Prima Lega, due reti. Numeri non indifferenti se pesati con il passaporto di Erolind Osmani, talento made in Team Ticino classe 2000. Nemmeno 20 anni e il nome di Osmani non suonerà indifferente ai più. Il motivo? Semplice: Nel 2016 esordì in Prima Lega con la maglia del Locarno sotto la guida di Luigi Tirapelle. Tredici minuti nell’esordio in casa contro il Red Star (5-0) che bastarono per indirizzare il suo percorso.

Il 31 agosto 2016 le Bianche Casacche ospitano il Bellinzona per un derby sentitissimo. Il Lido si riempie come ai vecchi tempi. Sulla carta i granata – all’epoca allenati da Simone Copelli – sono nettamente favoriti. Infatti, al 46esimo Forzano manda avanti il ‘Belli’. Lo stesso autore del gol si fa espellere a un quarto d’ora dalla fine. Ed ecco che il Locarno tiene botta e prova a insidiare la retroguardia dei cugini. Il tempo scorre. Mancano quattro minuti alla fine, il Lido è una bolgia. Tirapelle tenta il tutto per tutto: a sette minuti dalla fine fuori Manfreda e dentro Osmani. Gli bastano tre minuti al nuovo entrato per mandare in visibilio i tifosi. Il suo tiro buca Cappelletti: è 1-1 e così finirà.

Da lì in poi Osmani gioca con regolarità, anche se per la prima da titolare deve attendere il 29 ottobre contro il Gossau. La seconda e ultima rete con la maglia del Locarno arriva nella sconfitta per 3-1 in casa del Thalwil. La carriera, però, non decolla complice anche la situazione che si vive sulle sponde del Verbano.

Osmai mette davanti gli studi, il calcio rimane una passione che ancora adesso esercita. Dopo l’esperienza e Losone è ora in forza al Minusio di mister Nicolò e ha già trovato la via del gol in un occasione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: