Taverne, rientra Mele. L’inferno è finito: “Sono quasi pronto, ma è stata dura…”

L’inferno è finito per Micheal Mele. L’esterno offensivo è pronto per mettersi alle spalle sette lunghi mesi di infortunio al ginocchio che li hanno impedito di iniziare al meglio la sua avventura con il Taverne. Il peggio, ora, è alle spalle. Mele conta i giorni per il suo rientro in campo.

“Non sono pronto al 100%, però sento che posso fare bene. Quello si. Mi sento più forte, sento che sono cresciuto mentalmente e fisicamente, sono consapevole che non sono al top però c’è la sto mettendo tutta per raggiungerlo. Pesante? Si un sacco, non potendo fare quello che facevo quotidianamente, mi ha distrutto psicologicamente e moralmente.., ma sono cose che nello sport in generale capitano, mi sono dovuto rimboccare le maniche e darmi da fare per non cadere, bisogna solamente rialzarsi e darsi forza”.

“Purtroppo – continua – non ho potuto aiutare il Taverne, ma sono riusciti lo stesso ad arrivare a un buon posto in classifica e hanno fatto grandi cose. Personalmente, ora miro ad arrivare agli obiettivi prefissati insieme a tutta la squadra”.

Abbiamo chiesto al giovane attaccante dove può arrivare il ‘suo’ Taverne. “Non sto qui a dire che possiamo vincere il campionato, ma sono convinto che possiamo giocarci le nostre carte contro tutte. Passo dopo passo e i risultati arriveranno”.

Il rapporto con suo fratello Daniel, passato dal Taverne al Riviera quest’estate. “Spiace non aver potuto giocare con lui perché avevamo un’ottima intesa, ma ha preso un’altra strada”.

Alle aquile giallonere non resta che godersi il rientro di Mele, ma cosa deve aspettarsi mister Meroni? “Sono un giocatore che si sacrifica tanto per la squadra, con molta voglia di scendere in campo per voler fare bene. Ascolto i consigli dei più grandi e mi piace ascoltarli. Io sono pronto per mettermi a disposizione di squadra e compagni”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: