I campionati regionali possono riprendere a maggio?

La UEFA ha deciso che i campionati europei slitteranno dall’estate del 2020 a quella del 2021. In questo senso è stata data la priorità ai campionati nazionali e a Champions ed Europa League. Sostanzialmente, i campionati e le coppe internazionali riprenderebbero ad inizio maggio, quando (si spera) l’emergenza Coronavirus sarà superata. I campionati si concluderebbero giocando più partite a settimana tra maggio e la fine di giugno.

E in tutto questo i campionati regionali dove li mettiamo? È possibile che la Federazione Ticinese di Calcio decida di percorrere la via dei professionisti e faccia proseguire i campionati regionali tra maggio e luglio? La possibilità, a logica, è difficilmente percorribile.

Per spiegarvi il perché facciamo un passo indietro. I campionati sono ormai sospesi dal week end dell’8 marzo ma ci sono squadre (rimanendo in seconda lega) come Coldrerio e Cadenazzo che addirittura non giocano una partita ufficiale da metà Novembre. Ora, come ben sapete le squadre non possono nemmeno allenarsi nel frattempo. Riprendere ad inizio maggio significherebbe dunque costringere le squadre ticinesi a ricominciare i campionati con giocatori fermi da oltre un mese e mezzo.

Questo, già di per sè, rappresenta un bell’ostacolo per la ripresa delle competizioni ufficiali. Ammettendo anche che questo sia possibile, bisogna comunque considerare che ci sono ancora 12 (per alcune squadre 13) partite del girone di ritorno più, per alcune squadre ottavi, quarti, semifinale e finale di Coppa Ticino.

Calendario alla mano ciò significherebbe far disputare una partita ogni 3 giorni e terminare campionato e coppa non prima della fine di giugno. La questione in questo caso è: i giocatori e gli addetti ai lavori sono disposti ad arrivare a luglio per terminare i campionati? Considerando che parliamo comunque di dilettanti, anche qui, la risposta sembra scontata…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: