Eppur si muove. Il calcio verso la ripresa? Agli arbitri è stato chiesto di…

“Eppur si muove”. Niente a che fare con Galileo Galieli, ma parliamo di calcio regionale e di una possibile clamorosa apertura alla continuazione della stagione in corso, attualmente sospesa causa coronavirus.

Niente di sicuro – va detto –, niente di ufficiale. Ma a fronte di un eventuale allentamento delle misure da Berna, anche il calcio regionale attende ansioso di conoscere il suo futuro. Un futuro più che mai incerto. Stando a nostre informazioni, sul tavolo della FTC sono presenti diversi scenari: dal più fattibile, al più logico a quello più complesso. In attesa di conoscere le decisioni del Consiglio Federale (verranno prese oggi pomeriggio?) si sta valutando ogni singola ipotesi.

Se in un primo momento sembrava impossibile riprendere i campionati, lo scenario potrebbe cambiare sulla base di quanto deciderà il Governo. Utopia pensare alla ripresa? Forse sì, forse no. Perché qualcosa si sta muovendo, solo ed unicamente allo scopo di farsi trovare pronti al momento del verdetto definitivo.

Tra le ipotesi prese in considerazione dalla FTC ci sarebbe – condizionale d’obbligo – quella di far concludere la stagione 2019-2020. Come? Disputando le restanti partite nei mesi estivi. In tal senso – ci risulta – è stata chiesta eventuale disponibilità agli arbitri delle squadre regionali. Più precisamente, i fischietti nostrani hanno dovuto (entro il 12 aprile) segnare le assenze per i mesi di maggio, giugno, luglio e agosto pur tenendo conto della difficile situazione attuale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: