Chiasso ancora sconfitto e aritmeticamente ultimo

*Da ilmiochiasso.com

Un bel Chiasso, probabilmente il migliore dalla ripresa del campionato va vicino alla vittoria ma alla fine concede i tre punti al Winterthur. Formazione quasi identica a quella schierata tre giorni fa a Zurigo con Antunes che ritrova una maglia da titolare e Kryeziu confermato unica punta.

Il primo tempo è molto equilibrato e regala poco spettacolo ai fedelissimi presenti dentro e fuori al Riva IV; a rendersi pericolosi sono comunque gli ospiti che in almeno due occasioni si trovano la porta sbarrata da un buon Guarnone.

Nella ripresa i rossoblu, pur giocando senza attaccanti veri vista la sostituzione di Kryeziu, pigiano invece sull’acceleratore alla ricerca del gol del vantaggio concedendo però qualche ripartenza agli zurighesi che ne approfittano al 70’ con Sliskovic che a porta sguarnita finalizza un bel contropiede.

La rete taglia le gambe e il morale di Piccinni e compagni che nei minuti successivi subiscono, anche sul piano atletico la maggior freschezza del Winty. Nel finale entrano Zahaj e Keller con quest’ultimo che ridicolizza un avversario con una giocata d’alta scuola. Sussulto d’orgoglio negli ultimi minuti con la squadra riversata in attacco, compreso Guarnone che sugli sviluppi di un corner prova a lasciare il segno; la palla arriva tra i piedi di Mahamid che attraversa il campo e deposita in rete.

Un Chiasso in crescita che con tanti giovani in campo, nonostante troppo poca qualità, ha comunque ridato dignità a questa maglia.

La 22esima sconfitta stagionale del Chiasso condanna i rossoblu all’ultimo posto finale in classifica quando mancano ancora quattro giornate da disputare. Il pareggio ottenuto dallo Sciaffusa contro il Kriens di fatto assicura ai renani il raggiungimento di una salvezza ottenuta sul campo proprio a discapito della squadra allenata da mister Lupi. Una classifica che va in ogni caso contestualizzata visto che non retrocederà nessuno ma che deve far riflettere la società di Via Primo Agosto e il direttore Bignotti in primis, incapace a questo giro di costruire una squadra in grado di “salvarsi”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: