Lugano, batti il cinque. Cornaredo è un fortino e cade anche la capolista

Il Luga­no di Mau­ri­zio Jaco­bac­ci sten­de la capo­li­sta. Lo fa man­te­nen­do la por­ta invio­la­ta e rega­lan­do­si tre pun­ti che tra­sci­na­no i bian­co­ne­ri al secon­do posto con una sola lun­ghez­za di svan­tag­gio nei con­fron­ti del San Gal­lo capo­li­sta. Ma lo fa soprat­tut­to man­te­nen­do l’im­bat­ti­bi­li­tà dopo cin­que gare di Super Lea­gue in cui – in atte­sa del risul­ta­to del Losan­na – tut­te sono cadu­te alme­no una volta.

Ai bian­co­ne­ri, ieri, è basta­ta la sola rete di Lavan­chy al 16esimo minu­to. Un’in­zuc­ca­ta cali­bra­ta a fina­liz­za­re al meglio un’a­zio­ne per­fet­ta imba­sti­ta sul­la fascia sini­stra. La clas­si­fi­ca “è un bel vede­re”, dice Jaco­bac­ci al ter­mi­ne del­la gara, “ma dob­bia­mo con­ti­nua­re a peda­la­re con i pie­di ben sal­di per terra”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: