3L: Solduno, parola al condottiero Demir: “Abbiamo un conto in sospeso con la ‘sorte’ sportiva”

Il Sol­du­no di mister Demir, ormai, non è più una sor­pre­sa, ma una pia­ce­vo­le con­fer­ma. Dopo aver bril­lan­te­men­te domi­na­to lo scor­so, inter­rot­to, cam­pio­na­to il Sol­du­no ha ripre­so a mar­cia­re a rit­mi da pri­ma del­la clas­se anche nel­la sta­gio­ne ini­zia­ta all’om­bra del Covid-19. Come la scor­sa vol­ta, anche in que­sto caso la ban­da di Demir arri­va allo stop for­za­to for­te del­la pri­ma posi­zio­ne in classifica.

Con l’al­le­na­to­re locar­ne­se abbia­mo scam­bia­to due chiacchiere.

Cosa ne pen­sa dell’interruzione?

“Cal­ci­sti­ca­men­te par­lan­do mi dispia­ce mol­to, spor­ti­va­men­te par­lan­do mi dispia­ce altret­tan­to, uma­na­men­te pen­so vi sono oggi sicu­ra­men­te altre prio­ri­tà al Cal­cio in generale”.

Si pote­va agi­re diversamente?

“Dif­fi­ci­le dir­lo: man­ca­va­no 4 par­ti­te, a con­ti fat­ti si trat­ta­va di due set­ti­ma­ne scar­se se pia­ni­fi­ca­ti dei tur­ni infra­set­ti­ma­na­li. Ripe­to, dal pun­to di vista spor­ti­vo-cal­ci­sti­co, dispia­ce mol­to non aver ter­mi­na­to il giro­ne di anda­ta, ma se una deci­sio­ne è sta­ta pre­sa, come in par­ti­ta, pen­so che rimu­gi­na­re, non por­ti più a nul­la. Piut­to­sto, come è sta­to det­to da qual­cun altro, ed ho let­to su vari por­ta­li, sicu­ra­men­te si sareb­be potu­to orga­niz­za­re o pia­ni­fi­ca­re in manie­ra diver­sa il giro­ne di anda­ta, visto il pre­ve­di­bi­le arri­vo di una secon­da onda­ta di con­ta­gi da Covid-19, ma anche qui, faci­le dir­lo ades­so. Pro­ba­bil­men­te, come tan­ti, posi­ti­vi e spe­ran­zo­si che que­sto Virus venis­se con­te­nu­to in modo più effi­ca­ce, ci si è sve­glia­ti dal dol­ce son­no “va tut­to bene”, rimar­can­do inve­ce che il virus è pre­sen­te e ci accom­pa­gne­rà per i pros­si­mi anni; pur­trop­po biso­gne­rà con­vi­ver­ci ed è impor­tan­tis­si­mo con­ti­nua­re a rispet­ta­re quel­le pic­co­le rego­le igie­ni­che e di distan­za che ormai si ripe­to­no da qua­si un anno, con­ti­nuan­do a respon­sa­bi­liz­zar­ci in for­ma indi­vi­dua­le e a livel­lo di gruppo/i di persone”.

Il suo Sol­du­no coman­da anco­ra la clas­si­fi­ca. Se lo aspettava?

“Sicu­ra­men­te mi aspet­ta­vo e mi aspet­to di fare un cam­pio­na­to da pro­ta­go­ni­sta fino a giu­gno; abbia­mo un con­to in sospe­so con la “sor­te sportiva”.

Come gesti­sce un alle­na­to­re que­sta pau­sa? Sen­te i suoi gio­ca­to­ri e collaboratori?

“Non ho mai smes­so di sen­ti­re la Squa­dra e tut­ti i suoi com­po­nen­ti: staff, gio­ca­to­ri e socie­tà. Tra qual­che set­ti­ma­na comin­ce­rò a sen­ti­re i gio­ca­to­ri e vede­re come gesti­re il discor­so lega­to agli alle­na­men­ti indi­vi­dua­li e/o di pic­co­li grup­pi. Con lo staff stia­mo pia­ni­fi­can­do gli alle­na­men­ti, rispet­ti­va­men­te con la socie­tà stia­mo pia­ni­fi­can­do giro­ne di ritor­no e la sta­gio­ne pros­si­ma, in modo da far­ci tro­va­re pre­pa­ra­ti alla ripresa”.

Chi vede come prin­ci­pa­le riva­le alla sua squadra?

“Nel giro­ne ci sono più squa­dre vali­de: met­te­rei Gor­do­la, Ravec­chia e Loso­ne sul­lo stes­so pia­no, rimar­can­do che la pri­ma ha il miglior attac­co e la miglior dife­sa del giro­ne e che l’unica par­ti­ta che ha per­so in cam­pio­na­to è sta­ta pro­prio con­tro di noi. La secon­da, Loso­ne Spor­ti­va, sono due mez­ze sta­gio­ni che fa mol­to bene, uni­ca com­pa­gi­ne anco­ra imbat­tu­ta, anche se leg­ger­men­te stac­ca­ta visti i 3 pareg­gi all’attivo; infi­ne il Ravec­chia, una squa­dra ben alle­na­ta dal mio ami­co Suley­ma­ni, orga­niz­za­ta e che fino ades­so ha fat­to dav­ve­ro mol­to bene, rispet­to alle ulti­me stagioni.
Un mio dispia­ce­re, è sta­to pro­prio que­sto, non aver potu­to affron­ta­re Loso­ne e Ravec­chia in que­sto momen­to, in cui sen­ti­vo che la nostra Squa­dra sta­va cre­scen­do mol­to. Pace. La pri­ma­ve­ra è vici­na, le occa­sio­ni non mancheranno”.

Dove deve miglio­ra­re anco­ra il tuo gruppo?

“Dob­bia­mo miglio­ra­re in tan­tis­si­me cose: pal­leg­gio, fina­liz­za­zio­ne, fase difen­si­va, comu­ni­ca­zio­ne tra i sin­go­li o repar­ti, … ci sono dav­ve­ro tan­te cose, ma l’attitudine è otti­ma, pia­no pia­no, arri­via­mo dove vogliamo”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: