L’ annus horribilis del calcio regionale. Pronti a un 2021 di tanto calcio

*Di Ric­car­do Vassalli

È sta­ta dura, duris­si­ma, ma ce l’abbiamo fat­ta: sia­mo ormai giun­ti alla fine di que­sto ter­ri­bi­le 2020, che ha stra­vol­to le nostre abi­tu­di­ni, ci ha costret­to a salu­ta­re per­so­ne a noi care, ha inter­rot­to i cam­pio­na­ti e ci ha dram­ma­ti­ca­men­te segna­to in tut­to e per tutto.

L’inizio di un nuo­vo anno, il 2021, può far­ci vede­re la luce in fon­do al tun­nel anche a noi aman­ti del cal­cio regio­na­le. La spe­ran­za è quel­la che con l’arrivo del vac­ci­no tut­to pos­sa ripar­ti­re come – o meglio – di pri­ma. Ci aspet­ta­no, però, anco­ra gior­ni, set­ti­ma­ne e mesi di sof­fe­ren­za. Ma l’arrivo dell’anno nuo­vo e dei suoi pro­po­si­ti rido­na ener­gia e moti­va­zio­ne per affron­ta­re i pros­si­mi 365 giorni.

È sta­ta dura per tut­ti. Per voi, pro­ta­go­ni­sti e aman­ti del cal­cio, costret­ti a rinun­cia­re alla pas­sio­ne più bel­la di tut­ti. Costret­ti a rinun­cia­re alle cor­se a per­di fia­to sul ret­tan­go­lo ver­de, costret­ti a ‘dimen­ti­ca­re’ le gio­ie e le emo­zio­ni che solo 90’ inter­mi­na­bi­li minu­ti pos­so­no rega­la­re. È sta­ta dura per voi, come per noi: costret­ti a dover­ci rein­ven­ta­re, ade­guar­ci ma pur sem­pre pri­vi del­la gio­ia di rac­con­tar­vi le vostre impre­se. È sta­ta dura, ma tor­ne­re­mo. E tut­to sarà più bello.

La pan­de­mia, lo stop dei cam­pio­na­ti lasce­ran­no le cica­tri­ci, ma le supe­re­re­mo. A chi ha per­so i pro­pri cari, a chi – pur con dif­fi­col­tà – ha tenu­to duro, a chi ha subi­to un ridi­men­sio­na­men­to pro­fes­sio­na­le, a chi non ne può più e a chi non vede l’ora di ini­zia­re. A voi van­no i nostri miglio­ri augu­ri di un 2021 di tan­to (ma tan­to) cal­cio e sod­di­sfa­zio­ni per­so­na­li e sportive.

Il team di Laborsport.com

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: