Se sport e politica non vanno a braccetto, l’esempio del Basso Ceresio

Non sem­pre sport e poli­ti­ca viag­gia­no a brac­cet­to. L’ulteriore testi­mo­nian­za di come le due sfe­re viag­gi­no tal­vol­ta su bina­ri diver­si giun­ge ai pie­di del­la Val Mara. I Comu­ni di Marog­gia, Mela­no e Rovio han­no dato, poli­ti­ca­men­te par­lan­do, il bene­sta­re all’aggregazione con Aro­gno. Quest’ultimo, però, ha volu­to tira­re drit­to per la sua stra­da, come da risul­ta­to del­le urne.

Ma non tut­to il mon­do è poli­ti­ca, vie­ne da dire. No, per­ché in ambi­to spor­ti­vo le cose sono diver­se. Aro­gno (ora Bas­so Cere­sio), Rovio e Mela­no uni­ran­no le for­ze dan­do vita all’AS Bas­so Cere­sio in un pro­get­to di fusio­ne ini­zia­to anni fa.

A pre­sie­de­re il soda­li­zio sarà Mar­zio Righit­to, attua­le pre­si­den­te del Bas­so Cere­sio e figu­ra che met­te d’accordo le par­ti coin­vol­te. Inter­vi­sta­to dal Cor­rie­re del Tici­no, Righit­to spie­ga che “non si vuo­le rin­ne­ga­re le sto­rie del­le rispet­ti­ve socie­tà. Al gior­no d’oggi non c’è più quel sano cam­pa­ni­li­smo di un tem­po. Pun­tia­mo ad otti­miz­za­re le risor­se a nostra dispo­si­zio­ne, oltre – dal lato spor­ti­vo – a inse­ri­re nel cal­cio degli atti­vi i gio­va­ni pro­ve­nien­ti dal nostro Raggruppamento”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: