Facchin rimette in corsa il ‘Belli’, Rossini ‘illude’. Con il Breitenrain il “solito” pari

La ‘pareg­gi­te’ del Bel­lin­zo­na pro­se­gue. E pro­se­gue anche la tra­di­zio­ne dei pareg­gi nel­la sfi­da tra Brei­ten­rain e Bel­lin­zo­na. Il 3–3 del­lo Spi­ta­lac­ker di Ber­na è sta­to den­so di emo­zio­ni. I padro­ni di casa han­no spa­ven­ta­to i tici­ne­si por­tan­do­si sul dop­pio van­tag­gio fino dal 19esimo al 24esimo. Ma la trup­pa di Moran­di si dimo­stra squa­dra soli­da e dura a mori­re. A rimet­te­re in par­ti­ta i tici­ne­si è sta­to il gio­va­ne Fac­chin, che pri­ma accor­cia su cal­cio di rigo­re e un minu­to più tar­di insac­ca splen­di­da­men­te di testa il momen­ta­neo 2–2.

Ros­si­ni, pochis­si­mo dopo, fir­ma il van­tag­gio del Bel­lin­zo­na, che si fa però ripren­de­re imme­dia­ta­men­te dal­la ter­za rete dei padro­ni di casa. Ter­zo pareg­gio con­se­cu­ti­vo per il Bel­lin­zo­na dopo la ripre­sa del cam­pio­na­to di Pri­ma Lega Pro­mo­tion. La clas­si­fi­ca ora vede i gra­na­ta al ter­z’ul­ti­mo posto a quo­ta 11 pun­ti, uno in più del Köniz penul­ti­mo e ben lon­ta­no dal Müsin­gen (tre pun­ti) fana­li­no di coda.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: