Lugano Femminile, ‑1 al giorno X. Edo Carrasco presenta le bianconere: “Qualità e formazione i nostri obiettivi”

Il Luga­no Fem­mi­ni­le è pron­to a dare il via alla nuo­va sta­gio­ne in Woman Super Lea­gue. La com­pa­gi­ne bian­co­ne­ra esor­di­rà doma­ni, dome­ni­ca 22 ago­sto, in casa del Lucer­na alle 15:00. Alla vigi­lia del­l’im­por­tan­te appun­ta­men­to, abbia­mo inter­vi­sta­to il mem­bro di comi­ta­to Edo Car­ra­sco.

Edo, con qua­li obiet­ti­vi par­te la sta­gio­ne del Luga­no Femminile?

“L’obiettivo è quel­lo di fare una sta­gio­ne più tran­quil­la del­la scor­sa, di far cre­sce­re le ragaz­ze tici­ne­si che
gio­ca­no in pri­ma squa­dra e di inse­ri­re al meglio le nuo­ve ragaz­ze arri­va­te. In gene­ra­le l’obiettivo del
comi­ta­to è quel­lo di rida­re for­za ad un movi­men­to fem­mi­ni­le di qua­li­tà, ma sen­za per­de­re di vista la
for­ma­zio­ne e lavo­ran­do nel rispet­to del nostro ter­ri­to­rio. In que­sto sen­so sarà impor­tan­te col­la­bo­ra­re con Ste­fa­no Bul­fa­ro per le ragaz­ze dell’élite can­to­na­le e con Rosan­na Miche­lot­ti e Mar­co Mar­ci per le bam­bi­ne, tut­te per­so­ne che svol­go­no da anni un eccel­len­te lavoro”.

Mer­ca­to in fer­men­to. Chi è arri­va­ta e chi è par­ti­ta? Dob­bia­mo atten­der­ci qual­che novi­tà ancora?

“Innan­zi­tut­to, abbia­mo un nuo­vo alle­na­to­re, Giu­sep­pe Gero­sa, che ha mol­ta espe­rien­za e che ha alle­na­to in serie A ita­lia­na. Per quan­to riguar­da le gio­ca­tri­ci arri­va­te pos­sia­mo segna­la­re l’arrivo del por­tie­re Matil­de Copet­ti, di Maria Sie­gri­st Gabas dal­la Luc­che­se, come difen­so­re cen­tra­le è arri­va­ta Lai­la Muscat, c’è la dane­se Emma Holm­skov a cen­tro­cam­po e in attac­co sono arri­va­te l’esperta Ali­ce Cama, già gio­ca­tri­ce di serie A ita­lia­na e la spa­gno­la Julia Diaz Fer­rer. Tut­te que­ste gio­ca­tri­ci arri­va­no con espe­rien­ze impor­tan­ti e dovreb­be­ro per­met­te alle nostre gio­va­ni di matu­ra­re. In que­sto ini­zio di sta­gio­ne abbia­mo infat­ti nota­to un’interessante cre­sci­ta del­le nostre gio­va­ni e pen­so ad Ani­la Byty­qi, Luna Gia­not­ti e Chia­ra Mar­ti­no­li. Per quan­to attie­ne ad altri arri­vi stia­mo valu­tan­do l’inserimento di un secon­do por­tie­re e poi vedre­mo duran­te la sta­gio­ne se sarà neces­sa­rio fare altri accorgimenti”.

Con qua­le filo­so­fia ave­te impron­ta­to la ses­sio­ne esti­va di mercato?

“Abbia­mo cer­ca­to di por­ta­re degli accor­gi­men­ti mira­ti alla rosa e alla strut­tu­ra cen­tra­le del­la squa­dra, ma anche por­tan­do ragaz­ze di qua­li­tà da un pun­to di vista uma­no. Poi, come det­to in pre­ce­den­za, vol­gia­mo valo­riz­za­re le ragaz­ze tici­ne­si. Il movi­men­to fem­mi­ni­le in que­sti anni ha cono­sciu­to un po’ di dif­fi­col­tà e per que­sto la nostra filo­so­fia in gene­ra­le — e que­sto non vale solo per la 1° squa­dra, ma per tut­to il movi­men­to  sarà quel­la di sta­bi­liz­za­re il movi­men­to e di valo­riz­zar­lo sul nostro territorio”.

Qua­li sono le sen­sa­zio­ni a Luga­no a pochi gior­ni dal­la ripre­sa ufficiale?

“C’è voglia di rico­min­cia­re e que­sto lo si è visto la set­ti­ma­na scor­sa con­tro l’Inter, soprat­tut­to desi­de­rio di rico­min­cia­re una nuo­va sta­gio­ne, maga­ri più tranquilla”.

I cam­bi socie­ta­ri al FC Luga­no toc­ca­no in qual­che modo anche la sezio­ne femminile?

“I cam­bia­men­ti avve­nu­to nel­la SA del FC Luga­no non toc­ca­no il movi­men­to fem­mi­ni­le. Con i miei col­le­ghi di comi­ta­to, Gian­fran­co Rusca, Car­lo Piaz­zo­li e Andrea Incer­ti, abbia­mo volu­to ade­ri­re ad un pro­get­to di
“rina­sci­ta” del movi­men­to fem­mi­ni­le per­ché cre­dia­mo che nel­le ragaz­ze ci sia un poten­zia­le enor­me da far cre­sce­re. Cer­che­re­mo di valo­riz­za­re anche il lavo­ro con il set­to­re gio­va­ni­le del FCL che in que­sti anni ha dato note­vo­li suc­ces­si per la cre­sci­ta dei gio­va­ni talen­ti. Voglia­mo anche miglio­ra­re la col­la­bo­ra­zio­ne con le real­tà tici­ne­si del cal­cio fem­mi­ni­le. Det­to ciò, cre­do che sia impor­tan­te segna­la­re che nell’ultimo anno mi sono con­fron­ta­to spes­so con Miche­le Cam­pa­na per fare in modo che tut­to il FC Luga­no potes­se lavo­ra­re sot­to un uni­co cap­pel­lo. Anche se avre­mo un comi­ta­to diver­so per il fem­mi­ni­le, per noi sarà fon­da­men­ta­le lavo­ra­re con tut­ta la fami­glia del nostro FCL per­ché è solo così che le nostre ragaz­ze e i nostri ragaz­zi pos­so­no cre­sce­re in Ticino”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: