Seconda Lega: l’Arbedo ci spera, Fasana implacabile. Pari in rimonta del Morbio

Mor­bio e Arbe­do han­no aper­to ieri l’ot­ta­va gior­na­ta di Secon­da Lega dispu­tan­do l’an­ti­ci­po che apre un wee­kend ric­co di sfi­de affa­sci­nan­ti. Lo scon­tro tra gli “oran­ges” di Ales­sio Righi e l’Ar­be­do di Alex Dju­ric non è sta­to da meno. Sei reti, un Arbe­do bef­fa­to e un Mor­bio con un cuo­re gran­de così. Potreb­be esse­re que­sto il rias­sun­to del­la gara di ieri. Sì, per­ché a col­pi­re subi­to a fred­do è sta­to l’Ar­be­do con Pocas Ribei­ro, in rete dopo soli due minuti.

Fasa­na rimet­te tut­to in pari a metà del­la pri­ma fra­zio­ne di gio­co rea­liz­zan­do un cal­cio di rigo­re. Nel­la ripre­sa Boz­zi­ni pri­ma e Citri­ni poi fir­ma­no il nuo­vo dop­pio van­tag­gio del­l’Ar­be­do. I bel­lin­zo­ne­si si pre­gu­sta­no il suc­ces­so, ma devo­no fare i con­ti con un Mor­bio indiavolato.

A cin­que minu­ti dal ter­mi­ne Tonio­lo accor­cia per i momò. All’89esimo, sem­pre su cal­cio di rigo­re, Fasa­na supe­ra anco­ra Nico­ra per il 3–3 finale.

Mor­bio a quo­ta 12 pun­ti e secon­do da solo (alme­no per una not­te). Sale a quo­ta die­ci pun­ti l’Arbedo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: