Melide, ‘pres’ Imperato si racconta: “Guardiamo avanti, ma senza fretta. Qui il gruppo viene prima del singolo”

Gian­fran­co Impe­ra­to è pre­si­den­te del FC Meli­de e non può che dir­si un pre­si­den­te feli­ce. Al giro di boa del­la sta­gio­ne 2021–2022 si tro­va in pri­ma posi­zio­ne sia con la squa­dra in Ter­za Lega (Grup­po 1) sia con la secon­da squa­dra in Quin­ta Lega. Dal­le par­ti di Meli­de, però, è la cal­ma a far­la da padro­ne. Il ‘pres’ dei cana­ri­ni si rac­con­ta a Laborsport.

Pre­si­den­te, un giro­ne d’an­da­ta sen­sa­zio­na­le direi per le due squadre…era il vostro obiettivo?

“Cir­ca due anni fa mi sono pre­sen­ta­to al Comi­ta­to del FC Meli­de con una pro­po­sta finan­zia­ria e spor­ti­va mol­to sem­pli­ce: sup­por­to finan­zia­rio (con tut­ti i miei limi­ti…) per il man­te­ni­men­to del­la filo­so­fia gestio­na­le attua­le (ama­to­ria­le per dav­ve­ro… chi ha orec­chie per inten­de­re inten­da…) e obiet­ti­vo sali­ta di una cate­go­ria in un paio d’an­ni (era pri­ma del lockdown..)
Ho avu­to la for­tu­na di tro­va­re nel Comi­ta­to un grup­po stu­pen­do che anzi­ché’ chie­der­si (come spes­so acca­de da que­ste par­ti, mol­to simi­li alle mie ter­re d’o­ri­gi­ne ligu­ri) “chis­sà cosa c’e’ die­tro”, mi ha accol­to a brac­cia aper­te e abbia­mo lavo­ra­to da subi­to splen­di­da­men­te, fino ad arri­va­re alla recen­te nomi­na a Presidente”.

Det­to que­sto, esse­re pri­mi oggi con­ta pochis­si­mo, per­ché man­ca tan­tis­si­mo tem­po sia per la lun­ghis­si­ma pau­sa inver­na­le (nean­che in Rus­sia la fan­no cosi’ lun­ga..) sia per tut­to il giro­ne di ritor­no… Comun­que, ripe­to, il nostro obiet­ti­vo è diver­tir­ci gio­can­do a cal­cio ma anche esse­re com­pe­ti­ti­vi … ma non abbia­mo fret­ta… se non suc­ce­de­rà’ quest’anno pazienza!”.

Oltre a un’ot­ti­ma strut­tu­ra tec­ni­ca, in entram­be le squa­dre si ammi­ra un cemen­ta­to grup­po. È que­sto il ‘segre­to’ del­la dop­pia capolista?

“Sicu­ra­men­te sì: sia­mo riu­sci­ti a por­ta­re a Meli­de l’anno scor­so un grup­po di mil­len­nials (tut­ti in usci­ta dal set­to­re gio­va­ni­le del FC Luga­no, che ave­va rinun­cia­to alla sua Under 21), che si sono cemen­ta­ti in manie­ra incre­di­bil­men­te velo­ce con i ragaz­zi piu’”anziani” gra­zie soprat­tut­to alla gran­dis­si­ma dispo­ni­bi­li­tà’ di que­sti ultimi.
Il risul­ta­to, anche gra­zie ai mister che han­no con­di­vi­so da subi­to il pro­get­to, e’ sta­to vera­men­te eccel­len­te: stia­mo dimo­stran­do che quan­do si par­la di sport di squa­dra, non e’ solo un modo di dire…
Dopo un mez­zo anno di pro­va (con una secon­da par­te di sta­gio­ne già a pun­teg­gio pie­no in Ter­za Lega), abbia­mo poi com­ple­ta­to la rosa con pochis­si­mi inne­sti di qua­li­ta’ , uno dei qua­li e’ ovvia­men­te fuo­ri cate­go­ria (il “figliol pro­di­go” Mascaz­zi­ni) … Ma tali inne­sti (ne segui­ran­no un paio per squa­dra in que­sta pau­sa) ven­go­no sem­pre valu­ta­ti con estre­ma atten­zio­ne dal sot­to­scrit­to per valu­ta­re la loro adat­ta­bi­li­tà’ allo spi­ri­to, pri­me don­ne e mer­ce­na­ri sono per­so­ne non gra­te…. Pur­trop­po sia­mo sta­ti costret­ti all’e­si­lio a Para­di­so del­la pri­ma squa­dra, per­ché il cam­po di Meli­de non e’ in con­di­zio­ne di ospi­ta­re incon­tri di cal­cio seri, ma spe­ria­mo di riu­sci­re a fare qual­co­sa anche su que­sto fron­te se il Muni­ci­pio ci dara’ una mano”.

 Lei segue da vici­no le par­ti­te. In qua­le occa­sio­ne le è pia­ciu­ta par­ti­co­lar­men­te la squadra?

“Io in que­sto anno e mez­zo ho fat­to il cuo­co, il guar­da­li­nee, il magaz­zi­nie­re e mol­to altro… ma anda­va fat­to, ora ci stia­mo orga­niz­zan­do per esse­re ade­gua­ti ai tra­guar­di che spe­ria­mo di rag­giun­ge­re. La squa­dra mi e’ pia­ciu­ta mol­tis­si­mo para­dos­sal­men­te in una del­le scon­fit­te più’ bru­cian­ti del­la sta­gio­ne, quel­la in Cop­pa con­tro il Col­li­na d’Oro del­l’a­mi­co Bal­mel­li, che pote­va chiu­der­si sicu­ra­men­te con un risul­ta­to miglio­re ma che ci ha visti, pur rima­neg­gia­ti, fare pau­ra ad una squa­dra di “qua­si” due cate­go­rie sopra la nostra. Una pau­ra dimo­stra­ta dal­la gomi­ta­ta volon­ta­ria di uno dei loro gio­ca­to­ri più’ esper­ti (non più’ bra­vi eh, più’ esper­ti..) che ha spe­di­to all’o­spe­da­le un nostro ragaz­zo con una sospet­ta lesio­ne al timpano…”.

Chi vede come riva­li alla pro­mo­zio­ne per Meli­de e Meli­de 2?

“Dal secon­do al quin­to o sesto posto sono tut­te riva­li… noi abbia­mo solo il van­tag­gio che in teo­ria vin­ce­re dipen­de solo da noi… ma solo in teo­ria, per­ché vin­cer­le tut­te sarà mol­to mol­to dura e quin­di spe­ria­mo che anche le altre fac­cia­no qual­che pas­so falso”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: