Paradiso, Cocimano: “Dobbiamo solo pensare a noi. Fare la formazione non è facile, ma è un bel ‘problema’”

Mister, sicuramente è un Paradiso che la lascia soddisfatto.. Ci avrebbe messo la firma per la seconda posizione?

“Si certo sono molto soddisfatto, stato un 2021 molto buono per quanto riguarda ai risultati raggiunti. Perché abbiamo finito la stagione scorsa in una buona posizione e con la qualificazione al primo turno di Coppa Svizzera, tutto altro che scontato per il FC Paradiso, con la sua prima partecipazione al tabellone principale. Dopo d’aver passato il primo turno conto la Juventus Zurigo, con un 3 a 1 nei supplementari. La soddisfazione più grande stata la partita dei sedicesimi contro l’Aarau, non per il risultato ovvio, però consapevole di aver fatto una grande prestazione che tutti ricorderemo a lungo. Invece per quanto riguarda al campionato attuale, all’inizio ho avuto qualche dubbio, l’assenza per vacanze e l’adattamento dei nuovi arrivi, non ci ha permesso di sviluppare  nostro gioco nelle prime giornate, però col passare delle partite questa intessa l’abbiamo trovato, chiudendo meritatamente al secondo posto”.

Nascondersi ora sarebbe sbagliato. Il sogno finali non è più utopia, cosa servirà per non perdere la bussola?

“Assolutamente il sogno finale è il nostro obiettivo principale, non ci siamo mai nascosti, è un obiettivo condiviso tra società giocatori e staff, quindi andremo su questa strada per renderla realtà. Per non perdere la bussola servirebbe sicuramente qualche giocatore in più che ci permetta rinforzare il riparto offensivo. Dopo mantenere l’umiltà perché ancora non abbiamo raggiunto nulla, siamo per la buona strada però non posiamo rilassarci, anzi dobbiamo alzare l’asticella con l’impegno e la voglia di migliorare”.

Hai valorizzato quasi tutta la rosa a disposizione. Quanto è importante per te poter contare sull’apporto di tutti?

“Valorizzare i giocatori che ci sono in una squadra penso che sia fondamentale non solo per l’allenatore come anche per la società. Tenere motivati anche chi non gioca spesso. Non è facile ma è fondamentale, perché in una stagione abbiamo bisogno di tutti. Partecipiamo ad un campionato con tante partite, squalifiche, infortuni e non possiamo contare soltanto con undici giocatori. Penso che in questa stagione come quella scorsa, sia stato indispensabile l’apporto di tutti, mi ritengo fortunato d’avere una rosa con giocatori intelligenti, che si sono impegnati sempre al massimo e quando hanno dovuto giocare hanno sfruttato le loro opportunità”.

Schierare gli undici iniziali non è mai facile, immagino…

“Come ho detto prima, quando conti con una rosa di qualità, dove hai più di undici giocatori che possono essere titolari, è chiaro che fare la formazione ogni week end non è semplice. Però sono sincero, preferisco avere questi grattacapi ogni settimana, ad avere il problema di non avere la possibilità di scelta.
Dopo sicuramente le nostre scelte sono più dettagliate, non siamo tifosi, quindi dobbiamo scegliere in modo più accurato, tenendo conto di diverse aspetti. Il nostro compito passa speso per fare delle scelte che non a tutti piacciano, però siamo noi (Staff) a vedere in settimana al giocatore come si allena, quando sta bene o meno e dopo subentrano le decisioni tattiche, anche in questo aspetto ci sono delle scelte che dipendono nel modo di come vogliamo giocare anche in base delle caratteristiche della squadra avversaria che affronteremo nel fine settimana”.

Il Paradiso farà la corsa a sé stesso o sarà caccia al Baden?

“Credo fortemente che dobbiamo pensare al FC Paradiso, questo ci ha portato dove siamo, la prima Lega Classic non è un campionato facile, oltre al Baden ci sono altre squadre (Tuggen – Freienbach) che faranno forza per arrivare anche loro alle finali, quindi sarebbe sbagliato concentrarsi soltanto ad una squadra. Noi dobbiamo fare il nostro, partita dopo partita, con determinazione e soprattutto giocando a calcio, sono convinto che i risultati arriveranno per quello che faremo noi”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: